Gheppio - Falco tinnunculus
Atlante della Fauna selvatica italiana - Uccelli

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine:  Falconiformi
Famiglia:  Falconidi
Genere:  Falco
Specie:  tinnunculus

Il Gheppio comune è diffuso in Eurasia e Africa. In Italia è abbastnza comune. A volte nidifica nel centro delle città. Diffuso su tutta l'area alpina dal piano fino a 2300 metri di quota.

Gheppio Gheppio (foto Thomas Th.)

Gheppio Gheppio (foto beachwalker2008)

Gheppio (foto Emanuele Natali http://emanuelenataliphotography.weebly.com)

Caratteri distintivi

Lunghezza totale: 32-35 cm
Apertura alare: 58-74 cm
Peso:
- Maschio: 160-215 grammi
- Femmina: 190-310 grammi

Il corpo è snello, grande circa come un piccione, ma meno pesante, con piumaggio prevalentemente rossiccio (più marcato nel maschio), con macchie scure superiormente e striature longitudinali inferiormente; nei giovani è simile alla femmina, ma più sbiadito.
Il becco è breve e adunco, grigio-brunastro con cera giallastra.
La testa è robusta, grigiia bluastra (maschio), con collo breve, occhi leggermente infossati con cercine perioculare giallo.
Le ali sono relativamente strette, lunghe e appuntite. La coda è lunga, arrotondata, grigia nel maschio, rossiccia nella femmina, con banda terminale nera.
Le zampe sono gialle con unghie scure, uncinate.
Evidente dimorfismo sessuale (colorazione e peso).

Biologia

Il periodo di riproduzione è aprile-giugno.
Costruisce il nido all’interno di grosse cavità di alberi, falesie o costruzioni; usa anche vecchi nidi di corvidi. Depone 3-9 uova giallastre con macchie fulve. L'incubazione dura 30 giorni (una covata all'anno). La prole è nidicola e s'invola a circa 4 settimane.
Volo con frequenti battiti, intervallati da planate; fa lo "spirito santo".
Si nutre principalmente di piccoli mammiferi e grossi insetti. Generalmente ha abitudini solitarie.
Emette una serie di versi acuti. In libertà può vivere più di 16 anni.

Uccelli A - G
Versione italiana English version Versión española
Allevare in fattoria naturalmente Allevamento della capra Dalla ghianda al cotechino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy