Aquila minore - Hieraaetus pennatus J. F. Gmelin, 1788
Atlante della Fauna selvatica italiana - Uccelli

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine:  Falcoformi  
Famiglia:  Accipitridi
Genere: Hieraaetus
Specie: H. pennatus J. F. Gmelin, 1788

Pennatus perchè lezampe sono completamente piumate o «calzate».
Specie migratrice che nidifica nella fascia centrale e meridionale di Europa ed Asia, nonché in alcune zone dell’Africa nord-occidentale. La popolazione del Paleartico occidentale sverna nell’Africa transahariana fino al Sudafrica. La migrazione postriproduttiva verso i quartieri di svernamento si svolge da agosto a novembre, quella preriproduttiva verso i quartieri di nidificazione tra marzo e aprile. In Italia è migratrice regolare, ma con un basso numero di individui, e svernante irregolare.

Aquila minore Aquila minore - Hieraaetus pennatus (foto Juan lacruz)

Aquila minore Aquila minore - Hieraaetus pennatus (con licenza Pubblico dominio tramite Wikimedia Commons)

Aquila minore Aquila minore - Hieraaetus pennatus (foto http://waste.ideal.es)

Caratteri distintivi

Lunghezza: 45-52 cm
Peso: circa 800 grammi
Apertura alare: 100-120 cm

Di dimensioni medio grandi e forme slanciate, ha coda lunga, ali strette, becco breve e adunco, tarsi lunghi e piumati, artigli molto sviluppati e ricurvi. I sessi sono simili. Presenta una notevole variabilità di piumaggio: la “fase” chiara e quella scura sono le più frequenti. Fase chiara: capo e alto collo giallo-fulvi striati di bruno, mustacchi e zone auricolari bruno-nerastre, fronte biancastra, parti superiori e copritrici brune orlate di chiaro, sottocoda chiaro, remiganti quasi nere, timoniere scure superiormente e chiare inferiormente, tarsi biancastri, piedi gialli, becco scuro con cera gialla. Fase scura: parti inferiori completamente brune a volte tendenti al rossiccio o al nero (fonte www.oasicannevie.com).

Biologia

Frequenta di preferenza i boschi misti interrotti da brughiere, praterie, coltivi. Nelle aree di svernamento s’insedia nella savana alberata. In genere conduce vita solitaria o in coppia e solo saltuariamente si riunisce in piccoli gruppi durante la migrazione. Possiede un volo rapido e agile. Cattura le prede sia a terra che in volo, compiendo picchiate e inseguimenti veloci e spettacolari. Si ciba di Uccelli di piccole e medie dimensioni, piccoli Mammiferi e Rettili; occasionalmente Insetti. All’inizio e nel corso del periodo riproduttivo le coppie eseguono spettacolari corteggiamenti acrobatici durante i quali, tra l’altro, la femmina in volo si gira a pancia all’aria e tende le zampe al maschio, che si precipita in picchiata su di lei. Il nido viene in genere costruito sugli alberi ad una discreta altezza da terra e viene utilizzato per più anni successivi. Nell’anno compie una sola covata e la deposizione ha luogo in aprile. Le 2 uova sono deposte con un intervalo di una settimana l’uno dall’altro e vengono incubate dalla sola femmina per circa 30 giorni, mentre il maschio provvede a procurarle il cibo. I pulcini sono nidicoli e alla loro alimentazione contribuiscono entrambi i genitori. I giovani abbandonano il nido all’età di 50-55 giorni, involandosi tra fine luglio e agosto. Pare che spesso uno solo dei piccoli riesca a sopravvivere.

Uccelli A - G
Versione italiana English version Versión española
Gli ovini da latte Allevare galline felici Atlante delle razze autoctone

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy