Fratino - Charadrius alexandrinus Linnaeus, 1758
Atlante della Fauna selvatica italiana - Uccelli

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine: Caradriformi
Famiglia: Charadriidae
Genere: Charadrius
Specie: C. alexandrinus Linnaeus, 1758

Il Fratino è un uccello tendenzialmente cosmopolita, essendo presente dall’Europa all’Asia, dall’Africa all’India, con cinque sottospecie presenti vari continenti. La distribuzione in Europa è principalmente costiera, mentre popolazioni relitte interne si rinvengono in Spagna, Austria ed Ungheria. In Italia è nidificante, migratore regolare e svernante. La distribuzione nazionale è prevalentemente costiera.

Fratino Fratino - Charadrius alexandrinus

Fratino Fratino - Charadrius alexandrinus (foto http://bird-ukraine.pp.ua)

Fratino Fratino in volo - Charadrius alexandrinus (foto http://ibc.lynxeds.com)

Caratteri distintivi

Lunghezza: 167-18 cm
A pertura alare: 33-37 cm

Il maschio in abito nuziale ha le parti superiori prevalentemente grigio-brune; sulla nuca il colore tende al rosso fulvo. Un ampio sopracciglio bianco si estende dalla fronte alle orecchie, mentre una stria nera parte dalla base del becco, attraversa l’occhio e si prolunga anch'essa fino alle orecchie. Le parti inferiori sono bianche e vi è una sottile banda pettorale nerastra interrotta davanti. Le zampe sono grigio-nerastre. La femmina in abito nuziale somiglia al maschio ma il nero del piumaggio è sostituito da un bruno più o meno scuro, il sopracciglio è meno evidente, soprattutto dietro l'occhio, e il colore delle zampe tende al marrone. Gli adulti in inverno assomigliano alle femmine in abito nuziale, anche se i maschi mostrano la nuca rossiccia già in gennaio. I giovani assomigliano alle femmine, ma presentano tonalità più sfumate. In tutti gli abiti il becco è nero.

Biologia

Nidifica vicino all'acqua su terreno fangoso asciutto o sabbioso e con scarsa copertura vegetale, dove il maschio scava diverse buche; la femmina ne sceglie una, che viene poi rivestita con piccoli ciottoli e frammenti di conchiglie. La specie nidifica in aprile-maggio, a seconda delle latitudini, creando delle piccole depressioni sulla sabbia dove depone da 1 a 4 uova e può, in caso di insuccesso, tentare una seconda nidificazione tra maggio e luglio. I piccoli nidifughi dopo 4/12 ore, seguono la coppia alla ricerca di cibo.

Uccelli A - G
Versione italiana English version Versión española
Allevare in fattoria naturalmente Allevamento della capra Dalla ghianda al cotechino
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy