Corriere grosso - Caradrius hiaticula Linnaeus, 1758
Atlante della Fauna selvatica italiana - Uccelli

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine: Caradriformi
Famiglia: Charadriidae
Genere: Charadrius
Specie: C. hiaticula Linnaeus, 1758

Il Corriere grosso è una specie diffusa nelle zone artiche e sub-artiche sia dell’entroterra che costiere di Europa ed Asia, lungo le coste della Groenlandia e sulle coste orientali del Canada; in Europa il limite meridionale dell’areale di nidificazione è rappresentato dalla Francia settentrionale e dai paesi che si affacciano sul Mare del Nord e sul Mar Baltico. Le popolazioni più meridionali sono quasi totalmente residenti, mentre le altre sono migratrici. Le popolazioni europee svernano lungo le coste atlantiche dall’Europa sudoccidentale alla Gran Bretagna, nel bacino del Mediterraneo, in
Africa, Penisola Arabica e Golfo Persico. In Italia è migratorio regolare e parzialmente svernante.

Corriere grosso Corriere grosso in volo - Caradrius hiaticula (foto www.luontoportti.com)

Corriere grosso Corriere grosso - Caradrius hiaticula (foto http://ibc.lynxeds.com)

Corriere grosso Corriere grosso - Caradrius hiaticula

Caratteri distintivi

Lunghezza: 18-19 cm
Apertura alare: 39-43 cm
Peso: 60-80 gr

Il maschio in abito nuziale ha le parti superiori prevalentemente marroni, con un caratteristico disegno bianco e nero sul capo e una larga banda pettorale nera nettamente contrastante con la gola e le parti inferiori completamente bianche. Presenta anche un evidente sopracciglio bianco, mentre manca un anello perioculare visibile. Le zampe sono arancioni, il becco è arancione con l’estremità nera. La femmina in abito nuziale è molto simile al maschio, ma le parti nere sono più sbiadite e sfumate. In inverno i giovani e gli adulti si somigliano molto: hanno una livrea bianca e marrone con le parti nere tendenti al marrone e sfumate; anche il becco è nero grigiastro e le zampe hanno una colorazione più tenue. In tutti gli abiti è ben visibile la banda alare bianca.

Biologia

È un piccolo caradriforme gregario, soprattutto in periodo invernale e al di fuori del periodo di nidificazione quando frequenta soprattutto spiagge sabbiose e fangose; durante le migrazioni visita spesso anche le zone umide interne (sponde di fiumi e laghi, campi allagati, cave di argilla senili). Si sposta in stormi che volano rapidamente esibendosi in evoluzioni a bassa quota. Sul terreno si muove a passi rapidi, fermandosi appena per raccogliere il cibo costituito da molluschi, crostacei, insetti, altri invertebrati terrestri e marini, in misura minore da vegetali. 
La voce è “tu-lii” bisillabico, gorgheggiato e che sale di tono.
La femmina, costruisce un nido spesso ricavato in una buca sabbiosa o ghiaiosa usando come materiale di rivestimento materiali vegetali e pietrisco; vi depone 4 uova grigiastre covate da entrambi. La schiusa avverrà dopo 25/30 giorni, ed i piccoli Corrieri, saranno autonomi dopo circa 22/24 giorni.
Spesso compiono una seconda covata nella stessa stagione.

Uccelli A - G
Versione italiana English version Versión española
Allevare in fattoria naturalmente Allevamento della capra Dalla ghianda al cotechino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy