Codibugnolo - Aegithalos caudatus L.
Atlante della Fauna selvatica italiana - Uccelli

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine:  Passeriformi
Famiglia:  Egitalidi
Genere: Aegithalos 
Specie: caudatus

Il Codibugnolo è un passeriforme di origine euroasiatica; diffuso in Europa. Sulle Alpi si trova soprattutto nei fondovalle, lungo rivi e torrenti, e nei boschi ben strutturati con sottobosco cespuglioso. Salendo di quota si fa via via più raro sino a sparire sopra i 2.000 metri di altitudine. Specie protetta, sostanzialmente stabile pur essendo soggetta a periodiche e accentuate fluttuazioni. Tre sono le sottospecie presenti sulle Alpi: A. caudatus italiae Jourdain, A. caudatus europaeus Hermann, A. caudatus caudatus L., quest'ultima presente solo in inverno e durante le migrazioni.

Codibugnolo Codibugnolo - Aegithalos caudatus L. (foto www.pnab.it)

Codibugnolo Codibugnolo - Aegithalos caudatus L. (foto www.pnab.it)

Caratteri distintivi

Lunghezza: testa-coda 14-16 centimetri; coda 7-10 cm.
Apertura alare 16-19 cm.
Peso 6-9 grammi.
Paffuto e banco, presenta screziature rosa e nere e una lunghissima codanera e graduata.

Biologia

Sedentario-nidificante, migratore regolare e svernante.
Nidifica in marzo-maggio e depone da 7 a 12 uova. Normalmente una nidiata all'anno, raramente due. Vive non più di 8 anni. Si muove con brevi voli, di cespuglio in cespuglio, ispezionando ogni fronda, ogni lembo di corteccia, alla ricerca di insetti di cui si nutre. In inverno, per proteggersi dal freddo, gonfia il piumaggio e si raduna in gruppi composti da 5 a massimo 18 esemplari. Questi stormi invernali sono territoriali e difendono attivamente un'area comune di una ventina di ettari. Al suo interno si trovano i dormitori, i luoghi in cui abbeverarsi e varie zone di alimentazione, perlustrate quotidianamente lungo percorsi fissi. Con l'arrivo della primavera, il gruppo si scioglie gradualmente dando origine a varie coppie che si insediano in parti diverse del territorio comune. Ognuna, spesso aiutata da altri esemplari, si dedica alla costruzione di un elaboratissimo nido nacosto tra i cespugli o addossato al tronco di un albero: una grossa palla costituita da muschi e licheni tenuti assieme da tele di ragno, utilizzate come "cemento". All'interno una folta imbottitura di piume assicura il calore e la protezione necessaria. In questa "palla" viene portato a termine il ciclo riproduttivo sino all'involo di 5-7 piccoli. I fallimeti tuttavia sono molto numerosi, dovuti ai predatori o ad avverse condizioni ambientali.

da "Il Codibugnolo: una pallina... con le ali"
di Gilberto Volcan - Guardaparco - Parco Naturale Adamello-Brenta www.pnab.it
Foto di Daniele Occhiato e Walter Zatta Colussi

Uccelli A - G
Versione italiana English version Versión española
Allevare in fattoria naturalmente Allevamento della capra Dalla ghianda al cotechino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy