Zigolo muciatto - Emberiza cia Linnaeus, 1766
Atlante della Fauna selvatica italiana - Uccelli

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine: Passeriformi
Famiglia: Emberizidi
Genere: Emberiza
Specie: E. cia Linnaeus, 17669

Lo Zigolo muciatto è diffuso con diverse sottospecie in Europa meridionale, nell’Africa nord occidentale e nelle regioni centrali asiatiche, fino alla Cina settentrionale.

Sono state classificate sei sottospecie:
- Emberiza cia cia
- Emberiza cia flemingorum
- Emberiza cia hordei
- Emberiza cia par
- Emberiza cia prageri
- Emberiza cia stracheyi

Zigolo muciatto Zigolo muciatto - Emberiza cia (foto www.birding.in)

Zigolo muciatto Zigolo muciatto - Emberiza cia (foto http://sgp.uz)

Zigolo muciatto Zigolo muciatto - Emberiza cia
("Emberiza cia MHNT.ZOO.2010.11.217 Séville" di Didier Descouens - Opera propria. Con licenza CC BY-SA 4.0 tramite Wikimedia Commons - https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Emberiza_cia_MHNT.ZOO.2010.11.217_S%C3%A9ville.jpg#/media/File:Emberiza_cia_MHNT.ZOO.2010.11.217_S%C3%A9ville.jpg)

Caratteri distintivi

Lunghezza: 16-18 cm
Apertura alare: 24-27 cm

Il maschio adulto in abito estivo ha le parti superiori (ali comprese) marrone fulvo con evidenti strature nerastre. Il capo, la gola e la parte alta del petto sono grigi. Tre strie nere partono dalla base del becco, una sopra, una attraverso e una sotto l'occhio e si congiungono quasi sulla nuca. La parte bassa del petto, l'addome e il ventre sono arancio fulvo. Il becco è grigio bluastro (più scuro superiormente) e le zampe sono aranco fulvo. Le timoniere esterne della coda sono bianche. I maschi al primo inverno hanno una colorazione simile al maschio adulto in abito estivo ma con colori più smorti e meno contrastati; le parti inferiori hanno lievi striature marron. Le femmine hanno pressoché lo stesso aspetto dei maschi al primo inverno.

Biologia

Il nido viene costruito dalla sola femmina, principalmente al suolo, fra le pietre oppure all’interno di cavità, utilizzando muschio, steli, radici e filamenti vegetali. La stagione riproduttiva inizia ad aprile e termina in giugno: in questo lasso di tempo vengono in genere completate due covate (3-4 uova ciascuna).
Si nutre prevalentemente di bacche e semi, soprattutto quelli delle graminacee. Durante il periodo della riproduzione la sua dieta è più variegata e comprende insetti, bruchi e larve, che i genitori inseriscono anche nell’alimentazione dei pulcini.

Uccelli I - Z
Versione italiana English version Versión española
Gli ovini da latte Allevare galline felici Atlante delle razze autoctone

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy