Passera scopaiola - Prunella modularis Linnaeus, 1758
Atlante della Fauna selvatica italiana - Uccelli

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine: Passeriformi
Famiglia: Prunellidi
Genere: Prunella
Specie: P. modularis Linnaeus, 1758

E’ presente in gran parte dell’Europa, nell’Asia Minore, nel Caucaso e nell’Iran. In autunno le popolazioni settentrionali si spingono nel sud dell’Europa e giungono nell’Africa settentrionale e nell’Asia occidentale. Nella penisola italiana è stazionaria, di passo e invernale. Trascorre infatti l’estate in montagna e sverna nelle pianure. Manca in Sardegna.

Sono state classificate 8 sottospecie:
- P. m. hebridium Meinertzhagen, 1934
- P. m. occidentalis (Hartert, 1910)
- P. m. modularis (Linnaeus, 1758)
- P. m. mabbotti Harper, 1919
- P. m. meinertzhageni Harrison, JM & Pateff, 1937
- P. m. fuscata Mauersberger, 1971
- P. m. euxina Watson, 1961
- P. m. obscura Hablizl, 1783

Passera scopaiola Passera scopaiola - Prunella modularis (foto Smalljim)

Passera scopaiola Passera scopaiola - Prunella modularis

Passera scopaiola Nido e uova di Passera scopaiola - Prunella modularis (foto Nottsexminer)

Caratteri distintivi

Lunghezza: 14,5-15 cm
Apertura alare: 20-24 cm

Maschi e femmine sono pressoché indistinguibili in natura. Le perti superiori sono marrone fulvo con pesanti ed evidenti striature nerastre. Il vertice e le guancie hanno la stessa colorazione del dorso mentre la gola è grigia e una fascia dello stesso colore parte dalla gola gira attorno al collo e sulla nuca continua come sopracciglio fino alla base del becco. Il petto è grigio e sfuma sui fianchi fulvi con evidenti strature marrone scuro - rossastre. Il becco è nero e le zampe sono arancio con sfumature rosate. L'iride degli adulti, soprattutto, è marrone. Sulle ali sono presenti e appena accenate delle orlature di penne bianche visibili anche quando il soggetto è posato. I giovani assomigliano agli adulti ma sono più pesantemente striati sui fianchi e presentano anche striature su addome e petto. Il grigio sulla gola e il capo è appena accennato.

Biologia

Nidifica nei boschi, tra cui predilige le conifere. Alla costruzione del nido viene dedicata una cura particolare: preparato direttamente sul terreno o comunque ad altezza limitata, il nido è spesso riparato da un cespuglio con un intreccio di rametti, erbe e piccole radici, presentandosi come una morbida coppa rivestita di muschio. Qui vengono deposte dalle 4 alle 6 uova, di colore verde-azzurro, covate per circa due settimane.

Uccelli I - Z
Versione italiana English version Versión española
Gli ovini da latte Allevare galline felici Atlante delle razze autoctone

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy