Rondone comune - Apus apus apus L. 1758
Atlante della Fauna selvatica italiana - Uccelli

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine:  Passeriformi
Famiglia:  Apodidi
Genere: Apus
Specie: apus
Sottospecie: apus

Il rondone comune è una specie migratoria tra Africa ed Europa. L'areale di riproduzione va dal Mediterraneo settentrionale fino alla Scozia e alla Scandinavia. Si riproduce anche nell'africa Nord-occidentale e nel Medio Oriente. Di solito sverna nell'Africa sub-sahariana, giunge alle nostre latitudini intorno alla fine di aprile, e riparte all'inizio di agosto. Il trend della popolazione europea è sostanzialmente stabile.

Rondone comune Rondone comune (foto www.digiscoped.com)

Rondone comune Rondone comune (foto www.wildbirdgallery.com)

Caratteri distintivi

Presenta un piumaggio molto scuro, quasi nero; le ali sono lunghe e sottili, portate all'indietro. Le lunghe ali a falce formano una stretta semiluna dal cui centro concavo sporge la coda, corta e biforcuta. Non presenta bimorfismo sessuale. Il piumaggio dell'adulto è di colore marrone molto scuro, mentre la gola e il mento sono chiari. I giovani hanno il piumaggio sulla gola più chiaro e le piume della parte superiore del corpo sono bordate di bianco.
Lunghezza totale: 16-17 cm; apertura alare: 42-48 cm; peso: 31-56 grammi.

Biologia

Il volo, agile e potente, è veloce con planate e virate improvvise, alternate a brevi fasi di battuta.
Il rondone caccia in volo gli insetti senza rallentare la velocità del volo. Specie sociale, ama vivere in stormi, a volte anche molto numerosi. Caratteristiche sono le strida emesse in continuazione ("shuirr - shuirr - shuirr"). È molto fedele al sito di nidificazione, al quale torna ogni anno con lo stesso partner. Costruiscono nidi impastando con la saliva piume e materiale vegetale. I nidi vengono posti sui camini, nelle crepe, sotto i tetti. La femmina depone 2 o 3 uova di solito in giugno, che vengono curate da entrambi i genitori. L'incubazione dura da 19 a 27 giorni (1 covata all'anno). I piccoli rimangono nel nido per circa 42 giorni (37-56). A fine luglio i genitori ripartono verso il caldo. Al momento della loro ripartenza lasciano i loro piccoli nei nidi, ancora incapaci di volare. Questi, più grassi e paffuti degli adulti, vi rimangono ancora qualche giorno; poi, lievemente dimagriti, partono anch'essi per il primo grande viaggio.

Uccelli I - Z
Versione italiana English version Versión española
Allevare in fattoria naturalmente Allevamento della capra Dalla ghianda al cotechino
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy