Pivieressa - Pluvialis squatarola Linnaeus, 1758
Atlante della Fauna selvatica italiana - Uccelli

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Uccelli
Ordine: Caradriformi
Famiglia: Caradridi
Genere: Pluvialis
Specie: P. squatarola Linnaeus, 1758

Nidifica di preferenza nella tundra delle aree artiche dell’Europa, dell’Asia e dell’America settentrionali, da cui migra d’inverno in aree più temperate. In Italia è migratrice e svernante regolare, e durante il passo sosta sulle rive di stagni e laghi. 

Pivieressa Pivieressa in livrea estiva - Pluvialis squatarola (foto © 2007 Mark Peck www.macaubiodiversity.org)

Pivieressa Pivieressa - Pluvialis squatarola

Pivieressa Pivieressa in livrea invernale - Pluvialis squatarola

Caratteri distintivi

Lunghezza: 28-30 cm
A pertura alare: 59-65 cm

Il maschio in abito nuziale ha una colorazione bianca-grigio chiara con fitta macchiettatura nerastra nelle parti superiori. Becco, zampe, gola, guance, petto, collo anteriormente, addome e fianchi, fino alle ascelle, sono neri. Una area bianca si estende dalle spalle, assottigliandosi, fino a dietro le orecchie e come sopracciglio fino alla fronte. La femmina in abito nuziale assomiglia al maschio ma avendo le zone nere di petto, collo gola e guance screziate di bianco. Maschi e femmine sono indistinguibili in natura in abito invernale che è caratterizzato dalle parti superiori su base grigia chiara suffusa di fulvo chiaro e fitte macchiettature nerastre. Le parti inferiori sono bianco sporco con soffusa screziatura marrone sul petto. Zampe, becco e zona ascellare rimangono neri. In tutte le stagioni maschi e femmine hanno la parte terminali delle ali nerastre con una evidente barra alare bianca. I giovani somigliano molto agli adulti in abito invernale.

Biologia

E' una specie tipicamente gregaria in periodo invernale. Si può osservare spesso associata in stormi con il piovanello pancianera. Si alimenta caminando sul terreno con poca acqua cercando ppiccoli molluschi, crostacei, anellidi, insetti e loro larve, semi e altre sostanze vegetali.
Il ndo viene predisposto con piccoli fuscelli e licheni in una depressione di forma circolare nel muschio o nella torba. Nell’anno compie una sola covata e la deposizione ha luogo tra metà giugno e luglio. Le 3-4 uova deposte sono incubate per circa 23 giorni sia dalla femmina che dal maschio ed entrambi i genitori provvedono all’allevamento della prole.

Uccelli I - Z
Versione italiana English version Versión española
Gli ovini da latte Allevare galline felici Atlante delle razze autoctone
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy