Portulaca o Porcellana - Portulaca spp.
Atlante delle piante da vaso - Piante da appartamento e da balcone

Classificazione, provenienza e descrizione

Nome comune: Portulaca o Porcellana.
Genere: Portulaca.

Famiglia: Portulacaceae.

Provenienza: America Meridionale (Brasile, Argentina, Uruguay).

Descrizione genere: comprende circa 200 specie di piante erbacee, quasi tutte succulente, con fusti e foglie carnose, di colore verde più o meno scuro. Possono essere annuali o perenni e a portamento eretto o prostrato. Presentano foglie piatte o cilindriche, che, spesso, hanno alla base un ciuffo di peluria. I fiori, che presentano cinque petali, che possono assumere colorazione variabile dal giallo al rosa al porpora al rosso, sono seguiti da frutti a capsula, contenenti numerosi piccoli semi. Hanno proprietà curative (diuretiche, vermifughe, purgative, ascorbiche) e possono essere utilizzate per preparare buone insalate.

Portulaca grandiflora Portulaca grandiflora (foto http://homepage.mac.com/tcseow)

Portulaca grandiflora Portulaca grandiflora (foto www.beddingplants.com.au)

Specie e varietà

Portulaca grandiflora: proveniente da Brasile, Argentina e Uruguay, questa specie succulenta, con fusti rossastri, semiprostrati e foglie, di colore verde brillante, a sezione cilindrica (lunghe fino a 2,5 cm.), può crescere fino a 15-20 cm. di altezza e 15 cm. circa di larghezza. Da giugno a settembre produce fiori, semplici o doppi, a forma di coppa, con petali, lucidi come il raso, di colore variabile dal giallo al rosso al porpora, che si aprono solo in pieno sole, per richiudersi al tramonto o all’ombra. In ottobre, la fioritura è seguita dalla comparsa di capsule coniche, contenenti molti piccoli semi. In commercio si trovano numerose varietà a fiori semplici, doppi, extradoppi, solitari o riuniti in gruppi di due o tre, con petali di colore variabile dal bianco al giallo, dal rosa al rosso, dall’arancio al cremisi, dal rosso scarlatto al rosso porpora. Sono degne di nota: ”Aurea”, dai fiori giallo oro; “Regelii”, dai bei fiori color porpora; ”Rosea”, che presenta fiori rosa; ”Splendens”, dai fiori di colore rosa-arancione, con sfumature gialle al centro; ”Thelusonii”, dai fiori scarlatti; ”Single Mixed”, dai fiori variamente colorati; ”Sundial Peppermint”, alta fino a 20 cm. con fiori precoci dai petali viola chiaro, screziati di viola scuro, che rimangono aperti più a lungo di quelli delle altre varietà; ”Sundance”, che raggiunge i 15 cm. di altezza e produce fiori semidoppi o doppi in vari colori; ”Sundial Mixed”, che fiorisce circa due settimane prima delle altre varietà e produce fiori di colore bianco, giallo crema, arancio, giallo oro, pesca, fucsia, rosso scarlatto; ”Warm Gold”, che produce fiori di colore arancio vivo, con il centro rosso e, oltre ad essere particolarmente adatta alla coltivazione in vaso, presenta la caratteristica di mantenere le corolle aperte anche con il cielo coperto.

Portulaca oleracea: oltre ai fusti prostrati e di colore rosso, questa specie presenta foglie commestibili oblunghe, senza picciolo né peluria.

Portulaca sativa: detta anche P. dorata, presenta foglie larghe e costituisce la specie commestibile più apprezzata.

Esigenze ambientali, substrato, concimazioni ed accorgimenti particolari

Temperatura: la Portulaca richiede un clima caldo e soleggiato.
Luce: necessita di un’esposizione soleggiata. La maggior parte delle varietà schiude i fiori solo in pieno sole.
Annaffiature e umidità ambientale: annaffiare abbondantemente in estate.
Substrato: terreno ricco e ben drenato.
Concimazioni ed accorgimenti particolari: concimare la pianta nel periodo della fioritura.

Moltiplicazione

Si possono seminare, a marzo, in terrine riempite con apposita composta per semi, tenute alla temperatura di circa 15 °C, sotto copertura di vetro. Le piantine devono essere fatte irrobustire in letto freddo fino a maggio, quando saranno pronte per essere trapiantate a dimora. La semina può essere effettuata anche direttamente a dimora, in aprile-maggio, procedendo in seguito al diradamento delle piantine.

Malattie, parassiti e avversità

 

Nome genere I - Z
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy