Polyscias - Polyscias spp.
Atlante delle piante da vaso - Piante da appartamento e da balcone

Classificazione, provenienza e descrizione

Nome comune: Polyscias..
Genere: Polyscias.

Famiglia: Araliaceae.

Etimologia: dal greco “polys”, molto e “skia”, ombra con riferimento all’ombra creata dall’abbondante fogliame di questi piccoli arbusti o alberelli o secondo altri autori alla adattabilità delle specie appartenenti a questo genere a vivere in ambienti poco luminosi.
Provenienza: Nuova Caledonia.

Descrizione genere: comprende diverse specie di alberelli o arbusti tra i quali da noi ha trovato diffusione la specie P. balfouriana.

Polyscias fruticosa Polyscias fruticosa (Giardino Botanico di Berlino) (foto www.agraria.org)

Specie e varietà

Polyscias balfouriana: originaria della Nuova Caledonia, questa specie, che in natura cresce fino a 8 m. di altezza, presenta foglie dalla lamina coriacea, arrotondata, con apice ottuso e margini crenati. La specie tipo si trova difficilmente in coltivazione; mentre è discretamente diffusa la cultivar “Penockii”, che presenta foglie irregolarmente variegate di bianco crema e verde pallido e di verde scuro in prossimità dei margini.

Polyscias fruticosa

Polyscias guilfoylei var. Victoriae

Polyscias balfouriana - Polyscias guilfoylei var. Victoriae Polyscias balfouriana - Polyscias guilfoylei var. Victoriae (foto www.agraria.org)

Esigenze ambientali, substrato, concimazioni ed accorgimenti particolari

Temperatura: la temperatura minima invernale non dovrebbe essere inferiore a 16 °C.
Luce: buona (in modo particolare per gli esemplari con foglie variegate), al riparo dal sole diretto.
Annaffiature e umidità ambientale: annaffiare regolarmente durante tutto l’anno. L’umidità ambientale dovrebbe essere innalzata con spruzzature o posizionando la pianta su terrine riempite di ciottoli, mantenuti sempre bagnati. Deve essere tenuta in ambienti aerati; non ama l’aria stagnante.
Substrato: composto da terra di foglie e terra concimata, con aggiunta di torba e sabbia.

Moltiplicazione

Si possono ottenere nuovi esemplari mettendo a radicare in una miscela di torba e sabbia, mantenuta appena umida, alla temperatura di 21 °C e sotto copertura di plastica o vetro (avendo cura di arieggiare di tanto in tanto per evitare il formarsi di un ambiente asfittico), talee semi-erbacee. La moltiplicazione può essere eseguita in qualsiasi periodo dell’anno, anche se sarà meglio aspettare il periodo della ripresa vegetativa.

Malattie, parassiti e avversità

Ragnetto rosso: acaro che si sviluppa facilmente in ambienti caldi e secchi. Se ne può prevenire la comparsa spruzzando le foglie e mantenendo alta l’umidità ambientale (ad esempio ponendo la pianta su una terrina riempita di ciottoli tenuti sempre bagnati, facendo attenzione che l’acqua non raggiunga mai il fondo del vaso). Si combatte con prodotti acaricidi.

Nome genere I - Z
Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy