Pernettya - Pernettya spp.
Atlante delle piante da vaso - Piante da appartamento e da balcone

Classificazione, provenienza e descrizione

Nome comune: Pernettya.
Genere: Pernettya.

Famiglia: Ericaceae.

Provenienza: America Centro-Meridionale.

Descrizione genere:  a questo genere appartengono circa 170 specie di arbusti a foglie caduche o sempreverdi, originari dell'America centro meridionale. Molto diffusa come pianta da vaso per le bacche colorate, oggi è apprezzata anche come sempreverde tappezzante da giardino.

Pernettya macrocarpa Pernettya macrocarpa (foto www.pollicegreen.com)

Pernettya macrocarpa Pernettya (foto www.agraria.org)

Pernettya macrocarpa Pernettya (foto www.agraria.org)

Specie e varietà

Pernettya macrocarpa : è la specie più coltivata, come pianta arbustiva. originaria dell'america meridionale, in natura può raggiungere a pieno sviluppo la forma di cespuglio susferico di altezza e diametro paragonabili, compresi fra i 100 e i 120 cm. Oggi le varietà più coltivate sono di tipo nano o di dimensioni molto ridotte, intorno ai 30 cm. Si presenta come un cespuglio dalla vegetazione folta, con rami a portamento eretto, ricoperti di foglie piccole, appuntite all'estremità, di forma ovale o lanceolata. Il colore è verde intenso, la superficie sempre lucida. i fiori sono di colore bianco, campanulati, piccoli e con corolla a cinque lobi, simili a quelli dell'erica, presenti all'ascella delle foglie in gran numero, riuniti in grappoli e compaiono in giugno. I fiori non sono però l'elemento più decorativo. E' all'inizio dell'autunno che le piante si ricoprono di bacche colorate capaci di resistere per tutto l'inverno. Cerose al tatto, di forma sferica irregolare, leggermente schiacciata, di colore dal bianco al porpora a seconda della varietà.

Pernettya pumila: ha un'altezza limitata, tra 15 e 30 cm, con portamento prostrato.

Pernettya prostrata: originaria del Cile e del Venezuela, ha frutti neri o blu scuro velenosi.

Esigenze ambientali, substrato, concimazioni ed accorgimenti particolari

Temperatura: resiste bene al freddo e si può piantare all'esterno in tutta l'Italia all'infuori dell'alta montagna.
Luce: sono piante adattabili che crescono bene anche in posizione ombreggiata, purchè luminosa. A parità di altre condizioni, però, i soggetti posti al sole producono molti più frutti.
Annaffiature e umidità ambientale: bagnare, anche durante l'inverno, purchè le temperature non scendano sotto lo zero, con moderazionre, ma in modo continuo, così da mantenere il terreno sempre leggermente umido. In estate bagnare con abbondanza purchè non vi siano ristagni. Non impiagare acqua dura ma dolce o acidulata per mantenere l'acidità del terreno costante nel tempo.
Substrato: il terreno ideale deve essere leggero, ricco di sostanza organica, in modo particolare torba, fertile e a reazione acida. Nei terreni calcarei stenta e la crescita si arresta.
Concimazioni ed accorgimenti particolari: utlizzare un fertilizzante per piante acidofile, commercializzato di solito come prodotto per ortensie, rododendri ed azalee, dalla primavera fino all'autunno, una volta ogni 15 giorni, diluito nell'acqua di bagnatura.

Moltiplicazione e potatura

La potatura non è di norma richiesta se non per mantenere la forma delle piante. I rami più vecchi, quelli allungati e fuori forma si accorciano alla fine dell'inverno. In questo modo si stimola anche l'emissione di nuove ramificazioni laterali.

Per ottenere piante identiche alla madre, a settembre si ricavano talee lunghe 5 cm da porre in un mix di sabbia e torba, in cassone freddo. A primavera le talee che sono riuscite a radicare si pongono in vasetti singoli con terreno acido per un anno, dopo altri due in vivaio può essere trapiantata in giardino.

La loro crescita lenta consiglia di non metterle in competizione con piante più vivaci capaci di soffocarle togliendo loro spazio, luce e nutrimento.

Malattie, parassiti e avversità

Non si segnalano malattie o parassiti particolari. Per ristagni idrici può manifestare marciume radicale e deperire.

Nome genere I - Z
Versione italiana English version Versión española
I funghi dal vero La fattoria biologica Come fare del buon vino
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy