Olivagno - Elaeagnus angustifolia L.
Atlante degli alberi - Piante forestali

Classificazione, origine e diffusione

Divisione: Spermatophyta
Sottodivisione: Angiospermae
Classe: Dicotyledones
Ordine: Rosales
Famiglia: Elaeagnaceae

L'Olivagno è una specie originaria dell'Asia occidentale (fino all'Afghanistan). Introdotto in Europa nel Seicento, è oggi largamente diffuso come pianta ornamentale.

Olivagno Olivagno - Elaeagnus angustifolia L. (foto www.eiu.edu/~egarden)

Olivagno Olivagno - Elaeagnus angustifolia L. (foto www.math.iupui.edu)

Caratteristiche generali

Portamento, tronco e corteccia
Arbusto o piccolo albero deciduo alto fino a76 metri. La chioma è densa e arrotondata. La corteccia è sottile e presenta delle fessure poco profonde. I rami sono provvisti di spine e sono ricoperti da una patina argentea.
Foglie
Le foglie sono lunghe 4 - 9 centimetri, alternate, lanceolate, grigio - verdi. Sulla pagina inferiore hanno una patina biancastra che le protegge dall'eccessiva traspirazione.
Strutture riproduttive
I fiori, singoli, a coppie o a tre, sono ascellari, provvisti di peduncolo, con calice tubuloso terminante in un lembo a 4 denti, giallo sporco, lungo fino a 8 mm. Il frutto (pseudodrupa) è simile a un'oliva, giallastro, lungo fino a 2 cm, commestibile benché poco sugoso.

Usi

Utlizzato come albero ornamentale, in particolare lungo i litorali, dove mostra di adattarsi bene ai venti salsi.

Latifoglie
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy