Albero dei rosari - Melia azedarach L.
Atlante degli alberi - Piante forestali

Classificazione, origine e diffusione

Divisione: Spermatophyta
Sottodivisione: Angiospermae
Classe: Dicotyledones
Famiglia: Meliaceae

L'Albero dei rosari, originario dell'India e della Malesia, è diffuso dall'Asia sud-orientale all'Australia settentrionale. E' stato introdotto in moltissimi altri paesi, tra cui l'Italia.

Albero dei rosari Albero dei rosari - Melia azedarach L. (foto www.alpobg.com)

Albero dei rosari Albero dei rosari - Melia azedarach L. (foto www.invasive.org)

Caratteristiche generali

Dimensione, tronco e corteccia
Può raggiungere i 15 metri di altezza e presenta una chioma molto espansa, più o meno a ombrello. Il tronco, diritto o incurvato, presenta una scorza bruno-grigiastra, un po' sfibrata e solcata longitudinalmente, lasciando intravvedere quella giovane sottostante rossastra. I giovani rami sono pubescenti.
Foglie
Le foglie (lunghe fino a 90 cm) sono decidue, opposte, portate da un lungo picciolo, con lamina imparipennata, composta da 5-7 foglioline a loro volta pennate o bipennate.
Strutture riproduttive
I fiori bisessuali e di colore blu-violetto, compaiono a fine primavera in larghe pannocchie terminali corimbiformi (lunghe fino a 20 cm). I frutti sono drupe sferiche (1 cm di diametro circa), di color ocra a maturità e con endocarpo legnoso e molto duro.

Usi

Viene molto usata nelle alberature stradali nel Sud Italia. I noccioli dei suoi frutti, perforati, vengono usati per la fabbricazione di rosari e collane.

Latifoglie
Versione italiana English version Versión española
Il mio frutteto biologico Orto e giardino biologico Coltivare l'olivo
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy