Leccio - Quercus ilex L.
Atlante degli alberi - Piante forestali

Classificazione, origine e diffusione

Divisione: Spermatophyta
Sottodivisione: Angiospermae
Classe: Dicotyledones
Famiglia: Fagaceae

Diffusa in tutto il Bacino del Mediterraneo. Specie termofila caratteristica della macchia mediterranea, si trova dal livello del mare fino a 600 m (anche più in alto nel Sud Italia). E' una delle querce sempreverdi. Molto longevo, può raggiungere i mille anni.

Pianta e frutti di Leccio Frutti di Leccio (foto http://ville-saint-sylvain-anjou.fr)

Leccio Imponente Leccio al Parco delle Cascine di Firenze (foto Franca Gordiano )

Leccio Tronco di Leccio (foto Graziano Propetto http://luirig.altervista.org)

Caratteristiche generali

Dimensione e portamento
Alto fino a 30 metri con chioma densa, sempreverde, molto scura.
Tronco e corteccia
Tronco diritto e robusto con corteccia rugosa grigio-brunastra, screpolata in placchette subrettangolari.
Foglie
Persistenti, coriacee, variano molto nella forma e nelle dimensioni. Sono lunghe al massimo 7 cm, con breve picciolo; lamina superiore glabra, vere scuro e lucida, inferiore tomentosa, grigiastra con nervature rilevate.
Strutture riproduttive
I fiori maschili sono disposti in glomeruli che formano amenti filiformi, mentre quelli femminili, con breve peduncolo, si trovano sui rami soli o in gruppi di 2-3. La ghianda è lunga fino a 3 cm e presenta una cupola grigio chiaro con squamette appressate.

Usi

Ricco di tannino, il legno di leccio è molto duro e di difficile lavorazione. Usato specialmente come pianta forestale e per alberare strade e parchi.

Indicazioni selvicolturali

Coltivato principalmente a ceduo per la produzione di legna da ardere, è importante perché permette di ricavare produzioni anche da terreni difficili. La capacità di generazione di polloni dopo un' utilizzazione è molto buona e maggiore rispetto alle querce caducifoglie. Il turno varia generalmente dai 30 ai 45 anni, tuttavia anche turni allungati di 45 - 55 anni non compromettono la capacità di generare polloni. La produzione dei cedui di leccio è modesta, varia dai 2 ai 5 m³ ad ettaro di incremento annuo. Degna di nota è anche la funzione estetica dei boschi di alto fusto che caratterizzano zone dell' Italia peninsulare costiera.

Latifoglie
Versione italiana English version Versión española
I funghi dal vero La fattoria biologica Come fare del buon vino
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy