Swedish Vallhund - Vastgotaspets
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Svezia.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 5 - cani di tipo spitz e di tipo primitivo.

Lo Swedish Vallhund (Vastgotaspets) è una razza dalle dubbie origini. È considerato dalla maggior parte degli esperti, una razza autoctona della Svezia, anche se dal suo aspetto traspare una certa somiglianza con il “Welsh Corgi inglese”. Praticamente sconosciuto al di fuori dei Paesi nordici. Razza registrata dal Conte Bjorn von Rosen negli anni Quaranta.

Aspetto generale

Cane piccolo ma molto potente. Rapporto tra lunghezza e altezza è di circa 2:3. Arti robusti con eccellente tonicità e volumi delle masse muscolari.

Carattere

Questo piccolo cane viene impiegato come cane da pastore adibito alla conduzione del gregge e anche delle mandrie bovine. Non ha problemi, nonostante le sue ridotte dimensioni, a tener insieme un gran numero di bestie, data la sua proverbiale agilità e velocità. Il suo coraggio è ammirevole; si dice che non abbia paura di niente. Molto utilizzato anche in casa come semplice canino da compagnia. Ha un carattere brillante ed è molto intelligente. Razza facile da addestrare.

Swedish Vallhund
Swedish Vallhund (foto http://swedishvallhund.web.aplus.net/)

Swedish Vallhund
Swedish Vallhund (foto

Swedish Vallhund Swedish Vallhund (foto http://swedishvallhund.web.aplus.net/)

Standard

Altezza:
 - maschi  33 cm al garrese;
 - femmine  31 cm al garrese.
È permessa una variazione di 1,5 cm al di sopra o al di sotto di questi valori.

Tronco: compatto e solido; costruito nel rettangolo.
Testa e muso: la sua testa possiede le tipiche caratteristiche dei cani nordici da pastore.
Tartufo: di colore nero, narici ben aperte.
Denti: la dentatura deve essere completa e corretta; i denti devono essere bianchi.
Collo: robusto e largo.
Occhi: di media misura, di colore scuro e di forma ovale.
Orecchie: sono appuntite, di misura media, non ripiegate, sono mobili e con pelo morbidissimo. Attaccatura non troppo bassa.
Arti: bene diritti, piuttosto corti rispetto alla struttura generale dell’animale. Molto muscolosi gli arti posteriori. Ossatura eccellente.
Coda: lunga o naturalmente corta. In entrambi i casi sono ammesse tutte le variazioni.
Pelo: ruvido, di lunghezza media, aderente e folto, con sottopelo soffice e folto. Più corto nella parte anteriore degli arti, è leggermente più lungo su collo, petto e parte posteriore degli arti posteriori.
Colori ammessi: desiderabili bruno grigiastro, grigio, marrone rossiccio con pelo più scuro sul dorso, sul collo e sui lati del corpo. Il colore bianco è permesso solo come macchie o collare. Marchi bianchi sono anche permessi sugli arti e sul petto.
Difetti più ricorrenti: colori non ammessi dallo standard, misure fuori standard, carattere inibito, macchie bianche troppo estese, orecchie pendenti, occhio chiaro, andatura scorretta, retrotreno difettoso, dentatura deficiente, pelo non folto, sottopelo carente, cane alto sugli arti, muscolatura insufficiente, ossatura leggera, monorchidismo, criptorchidismo.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da R a Z
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy