Stumpy Tail Cattle Dog
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Australia.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 1 - Cani da Pastore e Bovari (esclusi Bovari Svizzeri).

Essendo un tipo di cane assai poco allevato, il Bovaro Australiano a coda corta (Australian Stumpy Tail Cattle Dog) è stato anche poco studiato, e quindi non abbiamo molta documentazione sulla sua storia. L’ipotesi più affermata è la seguente: lo Stumpy sarebbe il prodotto tra il “Dingo” ed i “Pastori scozzesi a pelo corto”, incrocio effettuato verso la metà dell’Ottocento. Potrebbe essere stato introdotto anche del sangue “Dalmata” nel corso della sua evoluzione. Attraverso la selezione è stato fissato un carattere tipico per questa “razza”, cioè l’assenza della coda.

Aspetto generale

Cane di media taglia, costruito molto bene, molto ben proporzionato e di giusti rapporti. Struttura molto solida e molto resistente.

Carattere

La razza ha elevate attitudini nella conduzione del gregge, mansione per la quale è stato da sempre selezionato. Cane molto valido sul lavoro. È anche un buon cane da guardia, adatto per sorvegliare la proprietà. Avverte subito il padrone in caso di pericolo all’interno del suo territorio. Cane che esige quotidiano esercizio fisico e di stare all’aria aperta il più possibile. La sua resistenza fisica è una delle sue qualità migliori.

Australian Stumpy Tail Cattle Dog Australian Stumpy Tail Cattle Dog (foto WLH)

Australian Stumpy Tail Cattle Dog Australian Stumpy Tail Cattle Dog

Standard

Altezza:
 - maschi tra i 46 ed i 51 cm
 - femmine tra i 43 ed i 43 cm.

Testa: forte, dritta, in armonia con le altre proporzione del cane e corrisponde alla conformazione generale. Il cranio è largo, leggermente convesso fra le orecchie. Il cranio diviene via via piatto dirigendosi verso uno stop leggero, ma netto.
Tartufo: nero.
Musello: largo del riempite sotto gli occhi, si assottiglia gradualmente verso la canna nasale.
Canna nasale: lunghezza media, alta, potente, parallela alla linea del cranio.
Labbra: asciutte e ben disegnate.
Guance: muscolose, non grossolane né prominenti.
Mascella: forte, spessa e ben sviluppata; denti sani, regolarmente distanziati, articolazione a forbice. La dentatura deve essere in eccellente condizioni.
Occhi: di colore marrone scuro, di forma ovale e dimensioni medie, non prominente né infossati fra le orbite. Devono esprimere vivacità e intelligenza tipiche di questa razza. All'avvicinarsi di forestieri è caratteristico vedervi un velo di avvertimento o diffidenza.
Orecchie: di taglia moderata, piccole piuttosto che grandi, larghe alla base, muscolose, erette, moderatamente appuntite, non a forma di cucchiaio né a forma di ala di pipistrello. Ben distanziate alla base, si inclinano verso l'esterno. Sensibile minimo rumore ed erette quando il cane è attento. Il padiglione deve essere spesso e l'interno molto ben fornito di pelo.
Collo: estremamente forte, muscoloso, di lunghezza media, si allarga per fondersi col corpo; fanoni assenti.
Corpo: lunghezza dalla punta dello sterno a quella della natica superiore all'altezza al garrese nella proporzione di 10/9.
Linea del dorso: orizzontale.
Dorso: forte.
Petto: ben disceso, muscoloso e di larghezza moderata.
Regione lombare: larga e muscolosa e forte.
Regione dorso-lombare: solidamente attaccata.
Groppa: lunga e inclinata.
Coda: attacco moderatamente basso, in continuazione del contorno della groppa inclinata. A riposo, pende formando una curva molto leggera. In azione o quando il cane è eccitato, può esser rialzata, ma in ogni caso nessuna parte della coda deve superare la verticale che passa per il suo attacco; dotata di pelo abbondante (spazzola).
Arti anteriori: dotati di ossatura forte e rotonda fino ai piedi. Devono essere forti e paralleli visti di fronte. Spalle: forti, oblique, muscolose, ben angolate rapporto al braccio e non troppo ravvicinate alla sommità del garrese. Metacarpi: soffici, visti di profilo, leggero angolo rispetto all'avambraccio.
Arti posteriori: larghi, forti e muscolosi. Visti da dietro, in posteriori, del garretto ai piedi, sono dritti e paralleli, non chiusi né troppo aperti.
Cosce: lunga, larga e ben sviluppata.
Garretto: forte e ben disceso.
Piedi: rotondi e con dita corte, forti, ben arcuate e ben serrate. I cuscinetti sono duri e spessi. Le unghie devono essere corte e forti.
Mantello: pelo liscio, doppio, con sottopelo corto e denso. Il pelo di copertura è serrato, con peli lisci, duri e coricati a piatto, così da essere impermeabile. Sotto il corpo, fino alla parte posteriore degli arti, il pelo è più lungo e forma presso le coscie una sorta di coulotte senza eccesso. Sulla testa e nella parte anteriore degli arti e dei piedi, il pelo è corto. Sul collo, è più lungo e spesso.
Il colore deve essere blu, blu marmorizzato o blu macchiettato, con o senza marchi. I marchi ammessi sono macchie nere, blu o focate sulla testa, di preferenza equamente ripartite. Gli anteriori sono di color fuoco fino a metà altezza, con il colore focato che si estende sul davanti fino alla pettorina e alla gola, con macchie focate sul musello. Colore focato all'interno degli arti anteriori e all'interno delle cosce, che appare sul davanti della grassella e si allarga verso l'esterno degli arti posteriori dal garretto alle dita. Ammesso sottopelo fulvo sul collo purché non sia visibile attraverso il pelo di copertura blu. Non sono ricercate macchie nere sul corpo. Rosso con macchie nere: il colore deve essere formato da piccole macchie rosse equamente ripartite, compreso il sottopelo che non è né bianco né crema, Macchie rosse di tonalità più scura sulla testa. Ricercate macchie ugualmente ripartite sulla testa.
Andatura : franca, sciolta, soffice e facile. Il movimento delle spalle e degli anteriori è in armonia con la spinta potente dei posteriori. Al trotto, i piedi hanno tendenza ad avvicinarsi a livello del suolo, a mano a mano che la velocità aumenta, a ma quando il cane si immobilizza i quattro arti devono essere in appiombo.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da R a Z
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy