Spaniel Olandese
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Olanda.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 8 - cani da riporto, cani da cerca, cani da acqua.

Non è ben nota l’origine dello Spaniel Olandese (Wetterhoun); si presume che sia una razza autoctona olandese. Sicuramente le sue origini si sono perse nei secoli. Sappiamo solo che all’origine era stata selezionata per la caccia alla lontra. Razza quasi completamente sconosciuta al di fuori dell’Olanda e del Belgio.

Aspetto generale

Cane di media taglia, ben proporzionato di costituzione molto solida. Non si presenta né pesante né grossolano. Una delle caratteristiche della razza è la colorazione particolare e la consistenza del pelo.

Carattere

Originariamente selezionata per la caccia alla lontra, oggi la razza è adatta per ogni genere di caccia. La sua specializzazione però rimane la caccia in palude. Viene impiegato oltre che per la caccia, anche per la difesa e la guardia. Cane molto grintoso ed energico. Coraggioso e temerario. E’ una razza che deve essere ben addestrata prima di essere condotta alla caccia. Cane adatto anche per stare in famiglia, ma si dimostra molto riservato nei confronti degli estranei.

Spaniel Olandese
Femmina con cuccioli di Spaniel Olandese (foto www.uwhondenkat.nl)

Spaniel Olandese Spaniel Olandese (foto www.kynologenclubarnhem.nl)

Spaniel Olandese Spaniel Olandese (foto http://friesedieren.homespot.nl)

Standard

Altezza:
 - maschi  59 cm al garrese;
 - femmine  55 cm al garrese.

Tronco: il suo corpo è raccolto e inscrivibile in un quadrato.
Testa e muso: cranio leggermente bombato, che dà impressione di essere più largo che lungo. Rapporto cranio-muso di 1:1. Stop progressivo e non molto marcato.
Tartufo: di colore nero.
Denti: dentatura completa e corretta.
Collo: bene eretto e molto robusto.
Occhi: sono di grandezza media, ovali, disposti leggermente obliqui, cosa che conferisce loro un’espressione leggermente feroce.
Orecchie: con attaccatura piuttosto bassa; con padiglione non troppo sviluppato, così che l’orecchio tocca la testa senza torsione.
Arti: robusti e in perfetto appiombo. Eccellente muscolatura.
Coda: lunga e arrotolata sulla groppa. Può essere portata anche di fianco alla groppa.
Pelo: costituito da riccioli fitti formati da pelo fermo e spesso, ad eccezione della testa e degli arti. Il pelo sul corpo è piuttosto grossolano e grasso al tatto.
Colori ammessi: nero monocolore o marrone, oppure nero o marrone con macchie bianche. Sono ammessi il pelo misto e le macchiettature nel bianco.
Difetti più ricorrenti: colorazione del mantello non ammessa dallo standard, misure fuori taglia, posteriore debole, difetti di dentatura, monorchidismo, criptorchidismo, arti non diritti, masse muscolari insufficienti, padiglione auricolare troppo grande, coda mal portata, andatura scorretta, pelo non riccioluto, orecchie mal portate, carattere difettoso, timidezza.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da R a Z
Versione italiana English version Versión española
Pesci d'acquario Cani e bambini Enciclopedia dei Gatti

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy