Sealyham Terrier
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Gran Bretagna.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 3 - terriers.

La razza nacque nel secolo XIX. Il merito della nascita della razza è senza dubbio del capitano John Tucker Edwards, nominato da molti autori “padre della razza”. Lui intendeva creare un Terrier che fosse capace di servire da supporto alle mute di Segugi, durante alcune battute di caccia a cavallo. Quasi certamente, nella creazione della razza, sono state utilizzate le seguenti razze: il “Cheshire terrier”, razza oggi estinta ed il “Welsh Corgi Pembroke”.

Aspetto generale

Cane di piccola taglia, costruito nel rettangolo. Ricoperto di pelo esterno lungo. Testa con cranio a cupola. Muso pieno con baffi e barba. Canino con espressione intelligente e dolce. I suoi arti sono corti. Il colore bianco di questa razza fu selezionato per far sì che i Segugi potessero distinguerlo facilmente dalla selvaggina. Le sue orecchie sono di medi grandezza ed arrotondate in punta. I maschi devono presentare i testicoli ben discesi nello scroto.

Carattere

Razza molto intelligente. È un canino molto giocherellone. È nato come cane da caccia, ma oggi è soprattutto un cane da compagnia e da show. È molto coraggioso. È un concentrato di allegria. Si rivela un indomito cacciatore di animali nocivi. Può benissimo abitare in appartamento. Può dimostrarsi rissoso con i suoi simili, come fanno molti altri terrier.

Sealyham Terrier Sealyham Terrier (foto Ionwind)

Sealyham Terrier Sealyham Terrier

Standard

Altezza:  non oltre i 31 cm al garrese.

Tronco: con grande sostanza in poco volume. Tronco lungo  non quadrato.
Testa e muso: presenza cranio a cupola, ampio tra le orecchie.
Tartufo: di colore scuro, abbastanza ampio.
Denti: dentatura forte e completa. Di ottimo sviluppo.
Collo: collo forte e con buon inserimento.
Orecchie: di media grandezza, un po’ arrotondate in punta, sono portate ai lati delle guance.
Occhi: sono scuri, ben inseriti, rotondi, di media grandezza.
Arti: sono corti, forti e diritti il più possibile.
Spalla: con giusta inclinazione e muscolatura.
Andatura: movimento sciolto, attivo, bilanciato.
Muscolatura: ben sviluppata.
Coda: è piazzata a livello del dorso e portata eretta; normalmente viene tagliata.
Pelo: quello esterno è lungo, duro e ruvido; il sottopelo è impermeabile.
Colori ammessi: tutto bianco o bianco con macchie limone, marrone, blu o color tasso su testa e orecchie. Molto nero e grosse macchie sono indesiderati.
Difetti più ricorrenti: monorchidismo, criptorchidismo, misure fuori standard, peso eccessivo, carattere pauroso, movimento scorretto, retrotreno difettoso, orecchie portate male, tartufo depigmentato, mascella deviata, occhio chiaro, baffi e barba insufficienti, pelo liscio, pelo corto, coda troppo lunga o portata male.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da R a Z
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy