Slovensky Kopov
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Repubblica Slovacca..
Classificazione F.C.I.: Gruppo 6 - segugi e cani per pista di sangue.

Lo Slovensky Kopov (Chien courant slovaque) ha origini che si perdono nel tempo, e purtroppo, completamente sconosciute. Il riconoscimento ufficiale della razza è avvenuto soltanto dopo la Seconda guerra mondiale, ma la razza esisteva già da secoli.

Aspetto generale

Cane di media taglia, con ossatura solida e conformazione piuttosto leggera. Questa razza è nota per il suo straordinario senso dell’orientamento, che è stato considerato il migliore tra tutte le razze canine.

Carattere

Segugio noto per la sua costanza nel seguire la traccia fresca o una pista, anche per diverse ore. È utilizzato soprattutto nella caccia al cinghiale e ai carnivori. Questo cane viene anche addestrato come cane da guardia e da difesa, con eccellenti risultati. Dotato di un vivo temperamento. In presenza della famiglia con cui vive si dimostra amichevole e calmo. È un cane che non può vivere in appartamento.

Slovensky Kopov
Slovensky Kopov (foto www.slovensky-kopov.sk)

Slovensky Kopov Slovensky Kopov (foto http://slovenskykopov.sk)

Slovensky Kopov Slovensky Kopov (foto www.lovuzdar.sk)

Standard

Altezza:
 - maschi tra i 45 ed i 50 cm
 - femmine tra i 40 ed i 45 cm.

Tronco: il suo tronco è abbastanza leggero, ma molto ben proporzionato e di giusti rapporti. Il corpo ha forma di un rettangolo allungato.
Testa e muso: la sua testa è tipicamente da segugio. Muso abbastanza largo e cranio ampio. Labbra ben tese.
Tartufo: di colore nero, con narici ben aperte.
Denti: la sua dentatura è forte e corretta.
Collo: il suo collo è robusto.
Orecchie: attaccate leggermente al di sotto della linea degli occhi. Di lunghezza media, sono arrotondate alla loro estremità e cadenti piatte contro la testa.
Occhi: scuri, ben incassati nelle orbite, riflettono vivacità e coraggio. Sono a forma di mandorla.
Arti: perfettamente in appiombo. Diritti e forti. Muscolatura ben evidente e forte.
Spalla: con giusta inclinazione.
Muscolatura: di ottimo sviluppo.
Coda: è a sciabola; è lunga fino al garretto.
Pelle: elastica e morbida.
Pelo: lungo da 2 a 5 cm, di spessore medio, ben coricato, denso. È un po’ più lungo sul dorso, il collo e la coda. Il sottopelo è denso, soprattutto nell’inverno; non deve diventare meno folto d’estate.
Colori ammessi: nero con macchie che vanno da bruno ad acajou sulle labbra, sulle guance, alla gola, sul petto, agli occhi e sulle zampe.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, monorchidismo, criptorchidismo, colori non ammessi dallo standard, misure fuori standard, macchie bianche, orecchie portate male, arti non in appiombo, mancinismo, posteriore difettoso, andatura scorretta, pelle troppo lassa, occhio chiaro, tartufo depigmentato, coda portata male, carattere timido.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da R a Z
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy