Francais Blanc et Noir
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Francia.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 6 - segugi e cani per pista di sangue.

La Federazione Internazionale ha riconosciuto solo recentemente i Segugi francesi, nel 1957. Questi cani derivano dagli esemplari ottenuti dai maitres di muta attraverso i più svariati incroci. L’intento era di ottenere degli esemplari di una nuova razza che fossero molto adatti all’impiego nella caccia. Si dice che siano risultati dall’accoppiamento fra “Saintongeois”, “Poitevin” e “Foxhound”. Per lungo tempo questi nuovi cani non assunsero caratteri ben fissati, tanto da essere chiamati dagli stessi cinologi francesi “batard”. Una volta che la tipicità della razza si era stabilizzata, non si diffusero molto, ed infatti tutt’oggi, continuano ad essere quasi esclusivamente cani da lavoro. Rispetto alle altre due razze di Segugi francesi, questa è più numerosa, tanto da rappresentare il 60% del totale.

Aspetto generale

Il Français Blanc et Noir (Segugio francese bianco e nero) è un cane di media-grande taglia. Grande, molto equilibrato, di buona forza. Cane da muta, distinto, di struttura forte e muscolosa. Ha una muscolatura asciutta e ben scolpita. La sua ossatura è di giusto diametro, in rapporto alla robustezza dell’insieme. Ha il torace piuttosto profondo e testa abbastanza allungata. Dà impressione di equilibrio.

Carattere

L’aspetto caratteriale è molto simile in tutte e tre le razze di Segugi francesi. Cane di muta per eccellenza, simboleggia l’elevata specializzazione di due razze di cui è il prodotto. È una razza molto esperta nel lavoro. È dotato di una voce molto particolare quando si trova all’inseguimento della preda. È una razza molto rapida ed intraprendente. Ha una gran voglia di compiacere il padrone ed una grande capacità di apprendimento. È un cane che viene consigliato a persone che amano fare lunghe camminate e stare all’aria aperta. Razza totalmente sconsigliata per vivere in città.

Francais Blanc et Noir
Français Blanc et Noir (foto www.venerie.org)

Francais Blanc et Noir Français Blanc et Noir (foto www.abcduchien.org)

Standard

Altezza:
 - maschi tra i 65 ed i 72 cm
 - femmine tra i 62 ed i 68 cm.

Tronco: torace più alto che largo e disceso almeno sino ai gomiti. Costole lunghe e moderatamente cerchiate. Dorso piuttosto lungo, ma ben sostenuto. Rene muscoloso e ben collegato. Ventre leggermente rilevato, ma che dà agli intestini sufficiente spazio. Anche oblique, in ogni caso di buona lunghezza sino alla punta delle natiche.
Testa e muso: abbastanza importante e piuttosto lunga, in armonia con l’insieme, senza mai essere né pesante né comune, bensì espressiva e ben portata. Muso di preferenza un po’ montonino. Solco frontale leggermente marcato. Le labbra superiori ricoprono quelle inferiori. Cranio leggermente arrotondato, piuttosto stretto, ma senza esagerazione. Protuberanza occipitale apparente senza eccessi, ma sufficiente per evitare di dare al cranio un aspetto troppo piatto. L’arcata sopraccigliare può essere leggermente prominente, segno di sangue “Levesque”.
Tartufo: nero e ben aperto.
Denti: completi nello sviluppo e nel numero.
Collo: abbastanza lungo e forte, talvolta con una leggera traccia di giogaia.
Orecchie: attaccate all’altezza della linea dell’occhio, leggermente girate, esse raggiungono di preferenza l’inizio del tartufo e devono arrivare almeno a due dita da esso.
Occhi: scuri, lo sguardo è intelligente e fiducioso.
Arti: anteriori forti e ben dritti. Gomiti aderenti al corpo. Piedi piuttosto allungati, ma magri e resistenti. Posteriori con cosce lunghe e sufficientemente muscolose. Garretti vicini al suolo, larghi, potenti e leggermente piegati.
Spalla: lunga, magra e obliqua.
Andatura: galoppo sciolto ed allungato.
Muscolatura: sufficientemente sviluppata.
Coda: abbastanza grossa alla radice, piuttosto lunga, portata elegantemente.
Pelle: bianca sotto il pelo bianco, nera sotto il pelo nero, talvolta con placche sottocutanee sul ventre e sulla parte interna delle cosce di color blu o meno scura.
Pelo: raso, abbastanza forte e folto.
Colori ammessi: obbligatoriamente bianco e nero, con grande gualdrappa o a macchie nere più o meno estese, che può presentare delle moschettature nere o bluastre, o anche color fuoco, ma quest’ultimo unicamente sugli arti. Una macchia pallida al di sopra di ogni occhio, cos’ come del fuoco pallido sulle guance, sotto gli occhi, sotto le orecchie e all’inizio della coda. Come il “Gascon Saintongeois”, il segno di capriolo sulla coda è abbastanza frequente.
Difetti più ricorrenti: cranio troppo largo, cranio troppo rotondo o troppo piatto, stop troppo marcato, arcata sopraccigliare troppo prominente, occhi e tartufo chiari, tracce di depigmentazione, eccesso di giogaia, orecchie piatte, orecchie troppo corte, enognatismo, prognatismo, monorchidismo, criptorchidismo, arti gracili, arti non in appiombo, piedi grassi, tracce apparenti di sangue inglese, cane pauroso, andatura scorretta, retrotreno difettoso, manto tricolore, focature troppo vive.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da C a G
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy