Coton de Tulear
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Madagascar.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 9 - cani da compagnia.

Porta il nome del porto malgascio di Tuléar. È stato importato in Europa, e più precisamente in Francia, nel 1977, dopo aver vissuto per molti secoli nell’isola africana del Madagascar. La razza era quasi del tutto sconosciuta nei Paesi occidentali fino a pochi anni fa. A causa dei rapporti politici e culturali che la Francia mantiene periodicamente con il Madagascar, questo cane è stato introdotto dai francesi. Alle sue origini ci sarebbero gli antichi “Barbichon”, la cui razza ha tramandato al Coton de Tuléar la grande passione per l’acqua. A causa delle sue qualità caratteriali interessanti, la razza sta ottenendo molto interesse, nonostante la sua recente importazione in Europa, si sta diffondendo sempre di più. È allevato da poco tempo anche in Italia.

Aspetto generale

Piccolo cane da compagnia a pelo lungo, simile a cotone, dagli occhi rotondi, scuri, espressivi e intelligenti. Il rapporto altezza-lunghezza è di 2:3. Il tipo da ricercare è quello descritto nello Standard. Esistono però dei cani di questa razza più alti sulle zampe. È piccolo ma molto ben costruito e di giuste proporzioni tra tronco, arti e testa.

Carattere

Il suo carattere è indubbiamente allegro e gioviale. Talvolta è un po’ turbolento e a volte un po’ pagliaccio. Molto attaccato ai padroni. È un cane da compagnia ideale. Adattissimo per vivere a contatto diretto con la famiglia in casa o in appartamento. Dà molte soddisfazioni alla famiglia per il suo temperamento e per il suo incomparabile affetto che dimostra in ogni momento.

Coton de Tulear
Coton de Tulear (foto http://americancotonclub.com)

Coton de Tulear Coton de Tulear (foto www.rebelcreek.com)

Coton de Tulear Coton de Tulear (foto http://coton.elevage-faurez.com)

Standard

Altezza:
 - maschi tra i 25 ed i 32 cm
 - femmine tra i 22 ed i 28 cm.
Peso:
 - maschi da 4 a 6 kg
 - femmine da 3,5 a 5 kg.
Il peso è in rapporto all’altezza al garrese, ma non deve mai superare il limite massimo.
Tronco: linea superiore appena leggermente convessa. Garrese poco accentuato. Attaccatura del collo forte. Dorso appena leggermente incurvato, molto muscoloso. Rapporto regione toracica-regione lombare è di 10:6. Ventre e fianchi rotondi, meno larghi del petto, ventre poco retratto.
Testa e muso: corta, triangolare. Rapporto testa tronco è di 2:5. Rapporto cranio-muso è di 9:5. Cranio con profilo superiore convesso; larghezza muso circa 8,5 cm. Arcate sopraccigliari poco sviluppate. Leggero solco frontale. Cresta occipitale poco sensibile. Stop poco accentuato. Lunghezza del muso di circa 6 cm, altezza circa 4,5 cm, larghezza circa 5 cm. Naso dritto. Labbra fini e tese.
Tartufo: piccolo. Nero. Il color tabacco scuro è tollerato. Narici aperte.
Denti: perfetti, piccoli e bianchi. Gli incisivi inferiori si trovano davanti, dietro o al livello degli incisivi superiori.
Collo: con profilo dritto, leggermente incurvato alla sommità. Rapporto collo-corpo di 1:5. Lunghezza di circa 8 cm. La sua forma è bombata, muscolata. Larghezza di circa 7 cm.
Orecchie: ricadenti, larghe circa 6 cm e lunghe circa 7 cm., sottili, triangolari, attaccate alte sul cranio; fini all’estremità, piegate alla base; ricoperte di peli bianchi o colorate secondo tre possibilità.
Occhi: rotondi, scuri, vivaci, ben distanziati, palpebre fini, pigmentate come il tartufo.
Arti: appiombi verticali visti sia dal davanti che di profilo. Braccio di circa 9 cm, obliquo dal davanti verso il dietro, muscoloso. Angolo scapolo-omerale di 120 gradi. Avambraccio di circa 10 cm, verticale, ossatura potente. Angolo omero-radiale di circa 120 gradi. Carpo lungo circa 3 cm. Metacarpo e piedi di circa 3 cm. Cosce muscolose. Angolo coxo-femorale di circa 80 gradi. Angolo femoro-tibiale di circa 120 gradi.garretto lungo 2 cm. Angolo del garretto di 160 gradi. Metatarso lungo 7 cm.
Spalla: lunga circa 10 cm, obliqua e muscolosa.
Andatura: passo normale, trotto accorciato, la sua andatura preferita è il trotto.
Coda: attaccata bassa, lunga circa 18 cm, grossa alla radice, fine all’estremità. In riposo scende sotto il garretto e l’estremità è rialzata.
Pelle: fine, tesa, ben aderente in tutte le regioni del corpo. Può essere pigmentata da macchie grigie più o meno scure.
Pelo: fine, lungo circa 8 cm, leggermente ondulato, simile a cotone al tatto.
Colori ammessi: bianco. Ammessa qualche macchia fulva o grigia più o meno scura soprattutto sulle orecchie.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, muso troppo piccolo, cranio piatto, cranio troppo convesso, canna nasale montonina, entropion, ectropion, tartufo depigmentato, sguardo cattivo, orecchie troppo corte, spalle dritte, cosce insufficientemente muscolose, garretti aperti o chiusi, arti in fuori, carenza di pelo, pelle spessa, pelo troppo corto, pelo sericeo, pelo riccio, labbra depigmentate, movimento scorretto, monorchidismo, criptorchidismo.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da C a G
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - [email protected]