Cairn Terrier
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Gran Bretagna.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 3 - terriers.

Molti esperti affermano che il Cairn terrier, sia la razza più antica nella sua categoria, cioè nei “terrier scozzesi”, e c’è la convinzione che sia esso il progenitore del “West Higland White terrier” e dello “Scottish terrier”. Ci sono vari documenti che confermano questa teoria e che dimostrano che la razza era conosciuta e anche molto diffuso fin dal XVIII secolo. Si dice perfino che la razza esistesse già fin dal ‘Seicento, secolo nel quale, si dice, venivano allevati anche da Giacomo VI di Scozia. In passato questo cane era anche conosciuto come “Skye terrier a pelo corto”, poi assunse il nome attuale. Nell’anno 1909 avvenne il riconoscimento ufficiale da parte del Kennel Club. Il suo esordio in manifestazioni cinofile avvenne all’esposizione di Inverness, dove ebbe successo tra i cinofili. Oggi è una razza molto diffuso in Inghilterra, ma anche in Canada e negli Stati Uniti.

Aspetto generale

Cane di piccola taglia, mesomorfo mesocefalo. Classificato morfologicamente come tipo Lupoide. È un cane costruito forte e compatto. Il cane deve essere ben piazzato sugli arti anteriori. Gli arti posteriori sono forti. Il suo torace deve presentarsi profondo. Il suo movimento è molto sciolto. Possiede il pelo sufficientemente duro. La sua testa è piccola, ma molto ben proporzionata al tronco. È caratterizzato da una tipica espressione da volpe. Tipico terrier da lavoro.

Carattere

E' una razza che colpisce per il suo temperamento gaio e molto coraggioso. È un cane molto attivo e attento a tutto ciò che lo circonda. È una razza che inganna all’apparenza, poiché molti pensano che sia una razza delicata, al contrario di quanto si possa pensare, questo cane è piuttosto resistente. Si adatta molto bene ad ogni tipo di luogo ed è un bravissimo compagno della famiglia e anche dei bambini. Sa essere, anche se nel suo piccolo, un ottimo cane da guardia, ed è incredibile la sua fedeltà verso la persona che considera il suo padrone. È una razza che non dà problemi per vivere anche in appartamento. Ama molto giocare ed essere al centro dell’attenzione.

Cairn Terrier Cairn Terrier (foto www.agraria.org)

Cairn Terrier Cairn Terrier (foto www.agraria.org)

Cairn Terrier Cairn Terrier (foto www.worldlydogs.com)

Standard

Altezza:  varia da 25 a 30 cm.
Peso: ideale 14 libbre, che corrispondono a circa 6,3 kg.

Tronco: compatto, con dorso dritto e ben muscoloso; costole profonde. Groppa di media lunghezza e ben raccolta.
Testa e muso: cranio in proporzione largo, con guance forti ma non troppo lunghe e pesanti. Stop deciso; molto pelo sulla testa. Muso potente ma non pesante. Mascella molto forte che non deve essere né prognata né enognata.
Tartufo: di colore nero, abbastanza ampio.
Denti: regolarmente allineati e completi nel numero e nello sviluppo. Denti grandi, mascella forte e a livello.
Collo: ben inserito, ma non corto.
Orecchie: piccole, a punta, ben portate ed erette, ma non piazzate troppo vicine.
Occhi: piazzati distanti, di media grandezza; di colore nocciola scuro, piuttosto infossati, con sopracciglia ispide.
Arti: di media lunghezza; buona ossatura, ma non troppo pesante. I gomiti non devono essere scollati. Le zampe sono ricoperte di pelo duro. Posteriori molto muscolosi. Piedi anteriori più grandi dei posteriori. Gli anteriori possono essere leggermente mancini. I cuscinetti plantari devono essere spessi forti. I piedi da furetto sono da considerarsi difetto.
Spalla: ben inclinata.
Muscolatura: sufficientemente sviluppata in rapporto alla mole.
Coda: ben fornita di pelo, ma senza pennacchi; portata gaiamente, non deve cadere sul dorso.
Pelle: ben aderente al corpo.
Pelo: aspetto molto importante per il giudizio in ambito di manifestazioni cinotecniche. Deve essere doppio, con il pelo esterno abbondante, duro ma non grossolano e con il sottopelo, che sembra una pelliccia, morbido e denso. Il pelo non compatto è da penalizzare. La testa deve essere ben fornita. È ammessa una leggera ondulazione.
Colori ammessi: rosso, sabbia, grigio, pepe e sale, o quasi nero. Molto tipiche delle sfumature più scure alle orecchie e al muso.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, occhi tropo prominenti o troppo chiari, orecchie troppo grandi, orecchie arrotondate, mantello setoso e arricciato,  tartufo color carne o chiaro, carattere timido, misure fuori standard, colori non ammessi, retrotreno difettoso, movimento scorretto, monorchidismo, criptorchidismo.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da C a G
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy