Epagneul Bleu de Picardie
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Francia.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 7 - cani da ferma.

L'Épagneul Bleu de Picardie è una razza è molto simile all’”Epagneul Picard”. La razza venne selezionata agli inizi del ‘Novecento, attraverso l’incrocio tra l’”Epagneul Picard” con il “Setter Gordon”, al quale si devono le moschettature e le macchie nere. Si dice che abbia contribuito anche il “Setter inglese” che ha reso la razza creata, più rapida e reattiva. La sua origine non è remota e nella Valle del Somme, della Canche e dell’Authie, è conosciuto da un secolo. Soltanto nel 1921 la razza ebbe il riconoscimento ufficiale dalla Federazione. La razza, durante gli anni Settanta, rischiò seriamente l’estinzione, a causa della sua scarsa diffusione. Grazie al lavoro di alcuni allevatori, successivamente la razza si riprese, e si riuscì a salvare le principali linee di sangue. La sua utilizzazione è in pratica uguale a quella del “Picard”, anche se i suoi comportamenti sono talvolta diversi. È considerato da molti appassionati e anche da molti autori, uno specialista nella caccia agli uccelli acquatici in palude e nei terreni umidi. La sua diffusione è limitata alla Piccardia e alle regioni limitrofe. Poco conosciuto in Italia. Deve il suo nome al caratteristico mantello con riflessi bluastri.

Aspetto generale

Cane di media taglia, mesomorfo mesocefalo. Classificato morfologicamente come tipo Braccoide. Il cane è piuttosto basso sugli arti, ben costruito per il lavoro. Il suo aspetto generale nel suo insieme si avvicina molto all’”Epagneul Picard”. La sua costruzione è ben proporzionata e di giusti rapporti tra arti, testa e tronco.

Carattere

Cane esuberante e festoso. Ama molto stare al centro dell’attenzione. È un ottimo ausiliario dell’uomo in ambito venatorio.
Perfetto su terreni umidi e paludosi, ma riesce ad adattarsi bene anche ad altri tipi di terreno. Non ha problemi di clima, infatti le temperature rigide non lo preoccupano più di tanto. È piuttosto rustico. Molto veloce e reattivo, con un’eccellente esplosività muscolare. Molto attaccato al proprio padrone e a coloro che considera amici. Se ben abituato, è possibile farlo vivere anche in casa, sempre tenendo conto che è una razza che esige movimento quotidiano.

Épagneul Bleu de Picardie
Épagneul Bleu de Picardie (foto www.chiens-online.com)

Épagneul Bleu de Picardie
Épagneul Bleu de Picardie (foto www.epagneul.nl)

Épagneul Bleu de Picardie Épagneul Bleu de Picardie (foto http://wamiz.com)

Standard

Altezza:
 - maschi tra i 57 ed i 60 cm al garrese
 - femmine un po’ meno.

Tronco: torace di profondità media, ma sufficiente. Costole armoniosamente arrotondate e discese sino al livello del gomito. Dorso e reni non troppo lunghi, ma ben sostenuti. Groppa meglio un po’ scoscesa.
Testa e muso: muso lungo e abbastanza largo. Labbra superiori lunghe e ben scese, danno un aspetto quadrato al muso. Stop mediamente accentuato, ma ben delineato. Cranio ovale, relativamente largo, senza parietali prominenti, osso occipitale leggermente evidente.
Tartufo: largo e ben aperto.
Denti: forti, completi nel numero.
Collo: non incassato nelle spalle; è permessa una leggera giogaia.
Orecchie: devono essere attaccate un po’ sopra la linea degli occhi e incorniciare la testa, abbastanza spesse e ben ondulate; tese in senso longitudinale e arrivare sino all’estremità del muso.
Occhi: scuri, grandi, ben aperti; espressione tranquilla.
Arti: avambraccio forte e muscoloso. Piede rotondo, un po’ largo ma non piatto, dita ben chiuse, spazi interdigitali ben guarniti di pelo. Posteriori con cosce dotate di buona muscolatura. Gamba lunga e guarnita da folte frange. Garretto flesso senza esagerazione; frange dal garretto al piede. Spazi interdigitali ben guarniti di pelo.
Spalla: leggermente obliqua.
Andatura: abbastanza veloce e disinvolta.
Coda: non deve superare il garretto di molto e soprattutto non deve essere uncinata in fondo.
Pelo: liscio o leggermente ondulato. Arti e coda guarniti di frange.
Colori ammessi: grigio-nero macchiettato in modo da formare un effetto blu con macchie nere.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, cranio troppo stretto, muso appuntito, occhio chiaro, orecchio corto, attaccatura alta delle orecchie, piede schiacciato o troppo largo, costole troppo piatte o troppo rotonde, misure fuori standard, movimento scorretto, monorchidismo, criptorchidismo.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da C a G
Versione italiana English version Versión española
Pesci d'acquario Cani e bambini Enciclopedia dei Gatti
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy