Deutscher Jagd Terrier
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Germania.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 3 - terrier.

La razza viene considerata esclusivamente tedesca, anche se gli inglesi l’hanno allevata per molti anni. In Germania la razza si è formata nell’Ottocento, grazie alla selezione effettuata da alcuni grandi allevatori, i quali hanno creato la razza con lo scopo di superare i terrier britannici per le sue doti e per le sue qualità in ambito venatorio. La sua selezione vera e propria però, ebbe inizio dopo la prima guerra mondiale. Nella selezione della razza erano prese in considerazione, in particolare, le doti caratteriali e si tendeva a lasciare indietro l’aspetto estetico. Recentemente si è invertito la tendenza, infatti la razza ha quasi perso le sue doti di ottimo cane da caccia, ed è diventato un ottimo cane da compagnia. Sappiamo, ormai per certo, che i progenitori della razza furono dei “Fox Terrier a pelo duro” di colore nero-focati. Abbastanza diffuso nella sua patria. La razza è quasi sconosciuta al di fuori dell’Europa continentale. In Italia la razza non è molto nota, ma tuttavia conosciuta.

Aspetto generale

Cane di piccola taglia, dolicomorfo dolicocefalo. Classificato morfologicamente come tipo Lipoide. È un cane da caccia sia nel bosco che in brughiera e sottoterra. La sua costruzione è di una solidità incredibile. Il suo corpo è molto ben proporzionato e di giusti rapporti. Il suo torace è profondo ed i suoi arti sono forti.

Carattere

Cane di una agilità estrema. Ha un carattere testardo e molto reattivo. È una razza molto diffidente con gli estranei. Cane adatto per un padrone energico. Durante la caccia mostra le sue qualità migliori. È un cane veloce, sempre all’erta e molto resistente. È fiero ed indipendente. È considerato un buon guardiano della proprietà. Ha un comportamento estremamente leale con coloro che lo accudiscono e che considera amici. Eccellente compagno, molto sensibile e attento. È un cane che può vivere bene anche in città ed essere portato tranquillamente in automobile. Esige molto esercizio. Possiede un odio innato per gli animali nocivi.

Deutscher Jagd Terrier Deutscher Jagd Terrier (foto http://digilander.libero.it/jagdterrierogliastra)

Deutscher Jagd Terrier Cucciolo di Deutscher Jagd Terrier (foto http://digilander.libero.it/jagdterrierogliastra)

Standard

Altezza: : tra i 33 ed i 40 cm
Peso:
 - maschi da 9 a 10 kg
 - femmine da 7,5 a 8,5 kg.

Tronco: con dorso forte e dritto, non proprio corto, reni e groppa molto muscolose. Torace profondo, cerchiato.
Testa e muso: il cranio è piatto e più largo fra le orecchie di quello del “Fox terrier”. Tra gli occhi si restringe e scivola verso il muso senza stop pronunciato. Il muso è un po’ più corto del cranio misurato dall’occipite allo stop, e non deve ricordare quello del Levriere. Muso potente con guance pronunciate. Mandibola robusta, con mento ben disegnato.
Tartufo: nero, bruno scuro nei soggetti marroni.
Denti: regolarmente allineati e completi nel numero. Dentatura forte nell’insieme, con chiusura a forbice.
Collo: potente, non troppo lungo, leggermente arcuato e allargantesi all’attaccatura con le spalle.
Orecchie: a forma di V, attaccate alte, non troppo piccole, leggermente aderenti alle guance.
Occhi: scuri, piccoli, infossati, con palpebre ben aderenti, espressione decisa.
Pelle: ben aderente su tutte le parti del corpo.
Arti: anteriori dritti, ben muscolosi. Metacarpo leggermente inclinato; ossatura piuttosto potente che sottile. Posteriore con arti lunghi, ben angolati e muscolosi. Garretti piazzati bassi e ossatura forte. I piedi non devono essere di gatto; i piedi anteriori sono più grandi dei posteriori, sono ben chiusi.
Spalla: con scapola lunga, inclinata.
Andatura: molto rapida e disinvolta. Non deve essere mai rigida.
Muscolatura: tonica e robusta in rapporto alla mole.
Coda: ben inserita in una lunga groppa, portata più orizzontalmente che inclinata, non deve essere portata alta.
Pelo: duro, ben aderente, fitto, ruvido e dritto; tuttavia né liscio né corto.
Colori ammessi: il colore principale è il nero, nero misto a grigio, o anche marrone scuro con tonalità più chiare, marrone-rosso-giallastro alle sopracciglia, al muso, al torace, sugli arti e attorno all’ano. Una maschera chiara o anche scura sono parimenti tollerate. Un po’ di bianco sul torace e sulle dita è ammesso.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, cranio stretto, mento sfuggente, muso a punta, tartufo chiaro, occhio chiaro, orecchie dritte, dorso insellato, dorso di carpa, petto troppo stretto, garretti vaccini, retrotreno difettoso, mancanza di denti, incisivi incrociati, misure fuori standard, colori non ammessi, andatura rigida, piede aperto, monorchidismo, criptorchidismo.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da C a G
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy