Pastore Belga Laekenois
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Belgio.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 1 - cani da pastore e bovari (escluso bovari svizzeri).

Il Cane da Pastore Belga Laekenois (Laekenois - Lakense) prende il nome dal castello di Laeken, che si trova vicino a Bruxelles. I primi cani appartenenti a questa varietà di Belga erano a guardia delle greggi che pascolavano nei dintorni del castello. Alcuni cinofili sostengono che la razza si era estinta e che per ricostruirla siano stati effettuati accoppiamenti tra belgi per alcuni “Bovari delle Fiandre” e lo “Schnauzer gigante”. Nella razza si sono riscontrati gravi problemi di consanguineità. Attualmente le varietà del Pastore Belga sono quattro, ma agli inizi della sua storia erano considerate cinque.

Aspetto generale

Cane mediolineo, di media taglia. È armonicamente proporzionato. Razza rustica, intelligente, abituata alla vita all’aria aperta, costruito per resistere alle intemperie stagionali e alle, così frequenti, variazioni atmosferiche del clima belga. La razza deve dare impressione di elegante robustezza. La razza comprende quattro varietà di cani, con medesime caratteristiche strutturali e caratteriali, ma che differiscono nel colore del mantello e nella qualità del pelo. Misurazioni importanti: lunghezza del corpo, dalla punta della spalla alla punta della natica, di 62 cm; lunghezza del dorso, dal garrese alla cresta del bacino, di 41 cm; circonferenza del torace dietro ai gomiti, minimo di 75 cm; altezza del torace 31 cm; distanza da terra al punto più basso del torace 31 cm; lunghezza della testa 25 cm; lunghezza del muso da 12,5 a 13 cm.

Carattere

Le quattro varietà hanno caratteristiche comportamentali identiche. Cane molto dedito e affezionato alla famiglia e al proprio padrone, ha un’innata attitudine al ruolo di guardiano del gregge e della proprietà. È vigilante e attento; il suo sguardo vivo e interrogatore denota la sua intelligenza. All’occorrenza è, senza alcuna esitazione un’eccellente cane per la difesa personale, che riesce a far emergere il suo indomito coraggio e la sua straordinaria agilità. Compagno di giochi instancabile e affettuoso nei confronti dei bambini.

Pastore Belga Laekenois
Pastore Belga Laekenois (foto www.laekenois.cz)

Pastore Belga Laekenois Pastore Belga Laekenois (foto www.belgiqueboutique.com)

Standard

Altezza:
 - maschi 62 cm
 - femmine 58 cm.
(Tolleranza di 2 cm in meno e 4 cm in più).
Peso: da 25 a 30 kg.

Tronco: è possente ma senza pesantezza. Il petto è poco largo, senza peraltro essere stretto. Torace poco largo, ma in compenso profondo e disceso. La gabbia toracica p circoscritta dalle costole che sono arcuate nella parte superiore. Garrese ben accentuato. Linea superiore diritta, larga con muscolatura potente. Ventre di sviluppo moderato. Groppa leggermente inclinata, larga ma senza eccesso.
Testa e muso: ben cesellata, lunga, a senza esagerazione e asciutta. Cranio e muso di uguale lunghezza. Muso di lunghezza media. Canna nasale dritta con assi cranio-facciali paralleli. Labbra di pelle sottile. Guance ben piatte anche se muscolose. Stop moderato, arcate sopracciliari non prominenti. Cranio di lunghezza media.
Tartufo: nero, con narici ben aperte.
Denti: forti, bianchi, regolari, fortemente impiantati. Chiusura a forbice.
Collo: incollatura ben sciolta. Collo leggermente allungato, ben muscoloso, senza giogaia. Nuca leggermente arcuata.
Orecchie: di apparenza nettamente triangolare, rigide e dritte, attaccate alte, di lunghezza proporzionata, conchiglia ben arrotondata alla base.
Occhi: di grandezza media, la forma è leggermente a mandorla, di colore brunazzo, preferibilmente scuro.
Arti: con ossatura compatta, muscolatura asciutta e forte. Avambracci lunghi e ben muscolosi. Metacarpi corti e forti; giunture pulite; senza tracce di rachitismo. Piedi piuttosto rotondi. Posteriori potenti con appiombi perpendicolari al suolo. Cosce larghe e fortemente muscolate. Gambe lunghe e larghe. Metatarso solido e corto.
Spalla: lunga e obliqua, ben aderente.
Andatura: deve essere vivace e sciolta, coprente il massimo possibile il terreno.
Muscolatura: poderosa, soprattutto negli arti posteriori.
Coda: ben piazzata, forte alla base, di lunghezza media.
Pelle: elastica ma ben tesa su tutto il corpo. Mucose esterne fortemente pigmentate.
Pelo: ciò che soprattutto caratterizza questa varietà è lo stato di ruvidezza e di secchezza del pelo, che, inoltre, si presenta arruffato. La lunghezza del pelo è quasi uguale in tutte le parti del corpo; tale lunghezza è di circa 6 cm. Né i peli intorno agli occhi, né quelli che guarniscono il muso dovranno essere tanto sviluppati da dare alla testa l’aspetto del “Barbet” o del “Briard”. Pertanto è obbligatoria la presenza della guarnizione del muso. La coda non deve formare pennacchio.
Colori ammessi: fulvo con carbonature principalmente al muso ed alla coda. Un po’ di bianco è tollerato al petto ed alla punta delle dita.
Difetti più ricorrenti: pelo troppo lungo, leggero prognatismo, enognatismo, pelo setoso, pelo ondulato o corto, coda a ciuffo, misure fuori standard, colori non ammessi, muso lungo, orecchie pendenti, mancanza di premolari, andatura scorretta, occhi chiari, piedi aperti, spalle troppo dritte, arti posteriori deboli, garretti diritti, coda portata alta, assenza di sottopelo.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da H a Q
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy