Norfolk Terrier
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Gran Bretagna.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 3 - terriers.

Il Norfolk Terrier ha le medesime origini del “Norwich”, dato che le due razze differiscono soltanto in un carattere. Originario della contea di Norfolk, dalla quale prende il nome. La nascita della razza è indicata nel giorno 22 settembre del 1964, giorno in cui venne approvato lo Standard dal Kennel Club inglese. La razza negli Stati Uniti viene riconosciuta come razza assestante solo nel 1979, con un numero modesto di iscritti ai registri. Nei Paesi europei continentali la diffusione di questo cane è molto limitata. In Italia la razza è conosciuta solamente per l’importazione di qualche soggetto. Con molta probabilità questo terrier deriva da incroci casuali effettuati da contadini che possedevano piccoli terrier fulvi e nero-focati. Il capostipite della razza è stato identificato in un maschio fulvo di nome “Rags”, il quale possedeva le caratteristiche genetiche tipiche della razza.

Aspetto generale

Cane di piccola taglia, piccolo, basso sugli arti, ardente, compatto e robusto. Possiede un dorso corto, è di buona sostanza e di buona ossatura. In questa razza le onorevoli cicatrici riportate sul lavoro e nei legittimi combattimenti sono ammesse. Canino molto solido e di giuste proporzioni e rapporti. Ha un mantello duro e ispido. Deve poter vivere all’aria aperta, camminando quotidianamente. Il suo mantello di peli ruvidi e dritti lo fa apparire ancora più raccolto e possente. Il suo pelo deve essere curato, pulito e mantenuto periodicamente in eccellenti condizioni.

Carattere

E' una razza sempre vigile e mai timorosa. La sua vigilanza è di continuo sollecitata. Questo piccolo cane è stato sempre selezionato per la caccia agli animali selvatici considerati nocivi e per scacciare i ratti in campagna e anche in casa. Di conseguenza a questo aspetto selettivo è sempre all’erta e sempre pronto a cogliere ogni genere di fruscio. Non deve mai dimostrarsi timoroso. È un cane con molto coraggioso ma non temerario. Non è quasi mai invadente o sfacciato. Di indole affabile, non litigioso e di grande tempra.

Norfolk Terrier
Cuccioli di Norfolk Terrier (foto www.norfolkterrier.org)

Norfolk Terrier
Norfolk Terrier (foto www.norfolkterrier.org)

Norfolk Terrier Norfolk Terrier (foto www.norfolkterrierclub.org)

Standard

Altezza:  taglia ideale dai 25 ai 26 cm al garrese.

Tronco: dorso corto, compatto, linea dorsale dritta e torace ben cerchiato.
Testa e muso: cranio largo e leggermente rotondeggiante con buono spazio tra le orecchie. Muso forte, a forma di cuneo, lungo circa un terzo meno della lunghezza che intercorre tra l’occipite ed il margine inferiore dello stop, che deve essere ben marcato; labbra tese; mascelle robuste.
Tartufo: di colore nero.
Denti: forti, abbastanza grandi, chiusura a forbice.
Collo: robusto e di media lunghezza.
Orecchie: di media grandezza, a forma di V, con punte leggermente arrotondate, ripiegate in avanti.
Occhi: di forma ovale ed inseriti profondamente. Di colore bruno scuro o neri. Espressione attenta, ardenti ed intelligenti.
Arti: corti, robusti e dritti. Posteriori ben muscolati con ginocchia ben angolate; garretti bassi e, visti da dietro, paralleli, capaci di grande propulsione. Piedi rotondi con cuscinetti plantari spessi.
Spalla: asciutta, ben inclinata all’indietro, pressoché della stessa lunghezza dell’avambraccio.
Andatura: sicuro, radente e di buona spinta.
Muscolatura: di eccellente sviluppo.
Coda: è di media lunghezza per dare al cane un’apparenza bilanciata, spessa alla radice, si assottiglia alla punta, più dritta possibile e portata con brio, ma senza eccessiva vivacità.
Pelo: duro, ispido, diritto e aderente al corpo. Più lungo e ispido sul collo e sulle spalle.
Colori ammessi: tutte le tonalità del fulvo, rosso grano, nero-focato o brizzolato. Macchie o pezzature bianche non sono desiderate, ma permesse.
Difetti più ricorrenti: misure fuori standard, colori non ammessi, macchie bianche troppo estese, mascella deviata, prognatismo, enognatismo, monorchidismo, criptorchidismo, movimento scorretto, angolazioni del posteriore insufficienti, orecchie portate male, carattere timido, atteggiamento pauroso, tronco lungo, linea dorsale insellata, atipicità, depigmentazione del tartufo, pelo morbido, fasce muscolari sul dorso poco forti e poco tesi.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da H a Q
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy