Irish Wolfhound
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Irlanda.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 10 - levrieri.

Ci sono diverse teorie sulle origini dell'Irish Wolfhound (Levriero Irlandese). Molti autori pensano che si tratti di una razza recente, creata intorno al XIX secolo. La maggior parte degli autori, però, sostengono che si tratti di una razza molto antica. Infatti pare che già nel 391 a.C., sette di questi cani irlandesi vennero donati ad un console romano dal fratello. Questi cani venivano impiegati nelle arene contro leoni e orsi, e anche contro uomini. La descrizione di questi antichi cani sembra corrispondere, quasi totalmente all’odierno Levriero Irlandese. Il suo nome “Wolfhound” significa “cane da lupo”. È ancora poco conosciuto e allevato in Italia. I soggetti oggi presenti in Italia sono però di altissimo livello.

Aspetto generale

E' senza dubbio, il cane più alto del mondo. Cane classificato morfologicamente come tipo Graioide. È un levriero dal corpo allungato e imponente, con muscolatura massiccia e groppa e dorso larghi.

Carattere

Questa razza era impiegata per la caccia al lupo e all’orso, a causa del suo coraggio e per la sua potenza. Cane molto buono dio carattere, ma temibile se provocato. Questo cane, prima di attaccare avverte abbaiando. Ama e difende i bambini. Possiede un grande equilibrio caratteriale. Cane abbastanza rustico e robusto. Il suo mantello necessita di cure.

Irish Wolfhound Hickory, maschio di Irish Wolfhound (foto www.irishwolfhound.it)

Irish Wolfhound Irish Wolfhound (foto www.agraria.org )

Standard

Altezza:
 - maschi minimo 78,5 cm al garrese
 - femmine minimo 71 cm al garrese
(l'obbiettivo è il raggiungimento della massima taglia compatibile con l’armonia delle proporzioni; quella ideale dovrebbe essere intorno agli 81-86 cm al garrese).
Peso:
 - maschi circa 54 kg
 - femmine circa 40,5 kg.

Tronco: tronco allungato ed imponente.
Testa e muso: testa lunga e piatta, con cranio non troppo largo, muso lungo e leggermente appuntito.
Tartufo: di colore nero.
Denti: dentatura corretta e completa. Chiusura a forbice. Mascelle forti.
Collo: robusto e di giusta lunghezza. Proporzionato.
Occhi: piccoli, scuri, dallo sguardo buono.
Orecchie: sono piccole e portate come quelle del “Greyhound”.
Arti: raggi ossei lunghi e ossatura forte. Zampe diritte e con eccellenti masse muscolari.
Muscolatura: di eccellente sviluppo.
Coda: di giusta lunghezza.
Pelo: ruvido, duro e piuttosto corto.
Colori ammessi: grigio, tigrato, rosso, nero, bianco o daino.
Difetti più ricorrenti: monorchidismo, criptorchidismo, dentatura scorretta, retrotreno difettoso, depigmentazione del tartufo, occhi chiari, orecchie portate male, arti non diritti, muscolatura insufficiente, testa corta o non piatta, carattere aggressivo o timido, collo non proporzionato, coda portata male, cane sotto taglia, misure fuori standard, colori del mantello non ammessi dallo standard di razza.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da H a Q
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy