Nova Scotia Duck Tolling Retriever
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Canada.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 8 – cani da riporto, da cerca e da acqua.

Il “Nova Scotia - Retriever”, originario appunto della Nuova Scozia è stato allevato e selezionato in questo paese all'inizio del XIX secolo come cane da riporto.

Aspetto generale

E' un cane di taglia media, possente, compatto, ben proporzionato e ben muscoloso; la sua ossatura va da media a pesante. È un cane estremamente agile, molto sveglio e molto determinato. Talvolta dimostra un'aria un poco triste, ma, dal momento in cui entra in azione il suo aspetto cambia ed esprime concentrazione intensa ed ardore. Al lavoro, le sue andature sono rapide e molto attive, con la testa portata pressoché all'altezza della linea del dorso e la coda, abbondantemente frangiata, in continuo movimento.

Carattere

Cane molto intelligente, molto resistente e molto recettivo. È un nuotatore robusto e abile e per natura incline al riporto su terra e su acqua; al minimo segno che gli indica che è giunto il momento di effettuare un riporto è pronto a partire con la sua andatura elastica.

Nova Scotia Duck Tolling Retriever
Nova Scotia Duck Tolling Retriever (foto www.calibertollers.com)

Nova Scotia Duck Tolling Retriever Nova Scotia Duck Tolling Retriever (foto www.calibertollers.com)

Nova Scotia Duck Tolling Retriever Nova Scotia Duck Tolling Retriever (foto www.goldendy.cz)

Standard

Altezza:
- maschi 48-51 cm (19-20 pollici);
- femmine 45-48 cm (18-19 pollici).
Si ammette un pollice in più o in meno rispetto alla misura ideale.

Peso: il peso deve corrispondere alla taglia e all'ossatura;
- maschi 20-23 kg (45-51 libbre inglesi);
- femmine 17-20 kg (37-43 libbre inglesi).

Tronco: linea del dorso orizzontale. Dorso corto e dritto. Regione lombare solida e muscolosa. Petto ben disceso fino a livello dei gomiti. Costole ben cinturate, non a “tonneau” né piatte. L’addome in moderata risalita.
Testa e muso: cranio largo, solo leggermente bombato; occipite non prominente e guance piatte. Per un maschio di taglia media, una buona larghezza del cranio fra le orecchie è di 14 cm (5 1/2 pollice) che diminuisce progressivamente fino a 3, 8 cm (1 1/2 pollice) alla canna nasale. La lunghezza della testa, misurata dall'estremità del tartufo alla protuberanza occipitale, è approssimativamente di 23 cm (9 pollici). La testa deve essere ben proporzionata al corpo. Canna nasale moderatamente marcata. Testa ben disegnata e leggermente cuneiforme. Musello dal profilo nettamente disegnato, si va progressivamente restringendo dalla depressione cranio facciale all'estremità del tartufo; la mandibola è potente senza essere prominente. Il profilo inferiore del musello disegna dalla commessura delle labbra all'angolo del maxillare una linea pressoché dritta; l'altezza del musello è maggiore a livello della depressione cranio facciale che a livello del naso. Pelo corto e fine. Labbra assai bene applicate, disegno di profilo un leggero arrotondamento senza essere pesanti.
Tartufo: si assottiglia dalla base all'estremità; narici bene aperte. Il colore del tartufo deve sposarsi armoniosamente con quello del manto oppure essere nero.
Denti: le mascelle sono piuttosto potenti così da portare un uccello di buona taglia; si esige dentatura completa.
Collo: fortemente muscoloso, viene attaccato, di lunghezza media, senza traccia di fanoni.
Occhi: ben separati, a forma di mandorla, di grandezza media, di colore da ambra a marrone. La loro espressione è amichevole, viva e intelligente. Il bordo delle palpebre deve essere dello stesso colore delle labbra.
Orecchie: sono di forma triangolare, di grandezza media, attaccatura alta e piuttosto all'indietro sul cranio; orecchio molto leggermente rialzato alla base e con pelo frangiato nella parte posteriore; estremità arrotondata, con pelo corto.
Arti: arti anteriori devono essere in appiombo e avere l'aspetto di colonne parallele. Le ossa sono solide. Spalle la spalla deve essere muscoloso, con scapola ben inclinata e bene attaccata, formante un garrese marcato che si fonde armoniosamente in un dorso corto. La scapola e il braccio sono approssimativamente della stessa lunghezza. Gomiti i gomiti, ben aderenti al corpo, non sono né chiusi né aperti verso l'esterno, permettendo movimenti facili e simmetrici. Metacarpo forte e leggermente flesso. Piedi anteriori fortemente palmati, di grandezza media, rotondi; dita serrate e bene arcuate, con cuscinetti spessi. È possibile procedere all'ablazione degli speroni. Posteriori muscolosi, larghi e in appiombo. Le angolazioni degli arti anteriori e posteriori devono ben corrispondere. Cosce forte muscolatura. Grassella bene angolata. Coscia e gamba sono di lunghezza pressoché uguale. Garretto ben disceso, non girato né all'interno né all'esterno. Speroni non ammessi. Piedi posteriori come gli anteriori.
Andatura: le andature danno un'impressione di elasticità e di potenza allo stesso tempo. Forte slancio degli anteriori, accompagnato da forte spinta dei posteriori. I piedi non sono girati né all'interno né all'esterno. Gli arti si muovono su un piano parallelo all'asse longitudinale del corpo, ma aumentando la velocità tendono ad avvicinarsi al piano mediano. Linea inferiore ben unita.
Coda: larga alla radice, prolunga la leggera inclinazione naturale della groppa. Dotata di frange abbondanti. L'ultima vertebra caudale raggiunge almeno il garretto. La coda è portata piuttosto bassa rispetto alla linea del dorso, tranne che quando il cane è in attività; in questo caso è portata alta e ricurva, senza tuttavia toccare il tronco.
Pelo: essendo stato selezionato come cane da riporto nell'acqua, deve avere un pelo doppio impermeabile. Il pelo di copertura è mediamente lungo e soffice, il sottopelo è denso e ancora più soffice. Il sottopelo può essere leggermente ondulato sul dorso, ma nel resto del corpo è dritto. In inverno, il pelo può essere lungo e arricciato nella gola. È comunque sempre soffice. Sono presenti frange moderatamente sviluppate negli arti posteriori.
Colori ammessi: il colore va da rosso ad arancio nelle sue varie sfumature; le frange ed il pelo nella parte inferiore della coda sono di un tono più chiaro. Abitualmente è presente una macchia bianca sulla coda o sui piedi (senza oltrepassare il metacarpo), oppure sul petto. Peraltro, un cane di grande qualità non può essere penalizzato dall'assenza di queste macchie. Il tartufo, le labbra e il bordo delle palpebre devono essere di un colore che sposi quello del manto oppure neri.
Difetti più ricorrenti: assi longitudinali del cranio e della canna nasale non paralleli, stop troppo marcato, tartufo di colore rosso vivo, tartufo, occhi e bordi delle palpebre di colore diverso da quello prescritto, prognatismo superiore, occhi grandi e rotondi, dorso incurvato o insellato, regione lombare poco sostenuta, coda troppo corta, coda al di sotto del dorso quando il cane è movimento, metacarpi troppo flessi, piedi piatti o con cuscinetti piccoli, pelo arricciato, pelo non abbastanza folto, pelo non serrato, mancanza di sostanza in un soggetto adulto, taglia fuori standard in un soggetto adulto, monorchidismo, criptorchidismo.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da H a Q
Versione italiana English version Versión española
Pesci d'acquario Cani e bambini Enciclopedia dei Gatti
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy