Hamiltonstovare
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Svezia.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 6 - segugi.

L'Hamiltonstovare (Segugio di Hamilton - Chien courant Hamilton) è considerato una mescolanza di “Segugio della Germania meridionale e della Svizzera” con “Foxhound” e “Harriers”. Furono presentati nella prima esposizione svedese dal Conte Adolf Patrick Hamilton. Hamilton presentò due soggetti a quella esposizione, un maschio e una femmina, in seguito considerati i precursori della razza, che da lui presero il nome.

Aspetto generale

Segugio di media taglia, ben proporzionato, mai pesante. Questo cane deve dare l’impressione di grande forza e vigore. In questa razza deve essere ben evidente il dimorfismo sessuale.

Carattere

Questo tipico segugio è utilizzato per la caccia alla lepre e alla volpe. L’Hemiltonstovare non è un cane da muta e non iene mai impiegato nella caccia al cervo. Il suo temperamento è stabile e amichevole. È affettuoso e dolce con il padrone e con la sua famiglia. Cane piuttosto indipendente. Abbastanza resistente.

Hamiltonstövare
Hamiltonstovare

Hamiltonstövare
Hamiltonstovare (foto www.goldenretrievers.nl)

Hamiltonstövare Hamiltonstovare (foto http://mangothehamilton.blogspot.it)

Standard

Altezza:
 - maschi tra i 53 ed i 61 cm
 - femmine tra i 49 ed i 57 cm.

Tronco: ben proporzionato e con buone fasce muscolari.
Testa e muso: tipica da segugio. Cranio piuttosto largo e muso pieno. Labbra ben tese.
Tartufo: sempre di colore nero. Narici ben aperte.
Denti: la dentatura è completa e corretta. Mascelle forti, in grado di trasportare una lepre o un animale selvatico.
Collo: forte e ben inserito.
Orecchie: sono attaccate molto, e quando il cane è in attenzione devono rialzarsi solo leggermente. Sono soffici, appoggiate alle guance; il bordo anteriore non è ripiegato all’esterno.
Occhi: sono bruno scuro, con espressione calma.
Arti: ben in appiombo, forti e diritti. Posteriore piuttosto muscoloso.
Spalla: con giusta inclinazione.
Muscolatura: di ottimo sviluppo.
Coda: è attaccata in prolungamento della linea dorsale, diritta o leggermente curvata a sciabola. Raggiunge il garretto in lunghezza.
Pelo: ruvido, non troppo corto, ben aderente al corpo.
Colori ammessi: tricolore. È nero sul collo, i lati del tronco e la faccia superiore della coda. La testa, le orecchie e gli arti, così come le facce laterali del collo, il tronco e la coda sono di colore fulvo. Il colore fulvo può variare di un tono oppure fino al bruno rossastro intenso e profondo. Lista bianca sulla faccia superiore del muso. È possibile la presenza di bianco sulle facce superiori e inferiori del collo, sulla pettorina, all’estremità della coda e nella parte bassa degli arti nonché sui piedi.
Difetti più ricorrenti: monorchidismo, criptorchidismo, arti non diritti, coda portata male, occhi chiari, orecchie mal portate, movimento scorretto, prognatismo, enognatismo, mancanza di premolari, labbro insufficiente, muscolatura poco sviluppata, retrotreno difettoso, carattere timido o pauroso, colori non ammessi dallo standard, cranio stretto, pelo liscio, misure fuori standard.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze estere da H a Q
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy