Tignola del pesco o Anarsia - Anarsia lineatella Zeller
Atlante di Entomologia Agraria - Insetti utili e dannosi

Classificazione e piante ospiti

Classe: Insetti
Ordine: Lepidotteri
Sottordine: Eteroneuri
Famiglia: Gelechidi
Genere: Anarsia
Specie: A. lineatella Zeller

Piante ospiti: Drupacee, in particolare Pesco.

Identificazione e danno

La Tignola del Pesco è un Lepidottero tipico delle Drupacee ed in particolare del Pesco; è diffusa in tutti gli areali di coltivazione di questa pianta. Gli adulti sono farfalle di medie dimensioni (circa 12-15 mm di apertura alare); le ali anteriori sono di colore grigio scuro con striature lineari chiare e scure, le ali posteriori sono di colore chiaro. Le ali, sia anteriori che posteriori, sono frangiate finemente ai margini. Le larve sono tipicamente zonate, con fasciature segmentali rossastre e zone intersegmentali giallo-ocraceo chiaro; il loro capo è scuro e la loro lunghezza è di circa 15 mm. Il danno è determinato dallo stadio larvale che attacca i fiori, i frutti e i germogli.
Danni sui fiori
I danni sui fiori che si verificano all'inizio della primavera sono determinati dalle larvette che entrano nei boccioli e li distruggono.
Danni sui germogli
I danni sui germogli sono generalmente abbastanza gravi per le piante in allevamento; infatti le larve penetrano al loro interno e scavano gallerie, centrali e longitudinali, nella zona del midollo. I germogli appassiscono improvvisamente ed in modo caratteristico; successivamente si ha necrosi e perdita del cimale; spesso le larve minano anche la base dei gruppi fogliari, riuniti a rosetta, provocando gli stessi danni visti sul germoglio.
Danni sui frutti
I danni sui frutti sono simili a quelli prodotti dalla Cydia molesta. Le larve scavano gallerie nella polpa dapprima superficiali, poi sempre più profonde; spesso si evidenziano dei grumi di gomma che escono nei punti attaccati. I frutti cadono e/o marciscono per azione di patogeni secondari.

Ciclo biologico

L'Anarsia sverna allo stadio di larva giovane, in caratteristiche nicchie costruite, a livello del sottoscorza dei rametti, in zona corticale. Questi ricoveri sono collegati all'esterno con un piccolissimo imbuto, formato da escrementi e rosure tenuti insieme da secreti e formazioni sericee. A fine inverno le larve possono già uscire da questi ricoveri, per cominciare la loro attività; esse entrano, come già detto, nelle gemme a fiore e continuano successivamente l'attacco ai germogli ed ai gruppi fogliari. In questa fase il danno è particolarmente grave per le piante in allevamento e per quelle appena innestate, a causa della perdita del "germoglio da innesto". Gli adulti sfarfallano in maggio-giugno (1° volo) ed ovidepongono o sulle foglie o sui giovani frutti allegati. Le larve di questa 1a generazione danneggiano soprattutto i germogli ed in misura minore i piccoli frutti. Gli adulti (2° volo) sfarfallano in luglio-agosto ed originano una seconda generazione larvale che colpisce soprattutto i frutti. Gli adulti del 3° volo compaiono generalmente a settembre, originando le larve di terza generazione che sono destinate a svernare. L'Anarsia compie, pertanto, tre generazioni all'anno.

Adulto di Tignola del pesco o Anarsia - Anarsia lineatella Adulto di Tignola del pesco o Anarsia - Anarsia lineatella Zeller (foto www.zipcodezoo.com)

Larva di Tignola del pesco o Anarsia - Anarsia lineatella Larva di Tignola del pesco o Anarsia - Anarsia lineatella Zeller (foto http://ag.arizona.edu)

Lotta

La lotta contro l'Anarsia lineatella segue i criteri della lotta guidata ed integrata; essa si esegue mediante il monitoraggio della popolazione con trappole sessuali e con campionamenti sui germogli e sui getti apicali, allo scopo di stabilire la densità della popolazione e la % dell'infestazione, quindi il momento più opportuno per l'intervento. Le due tecniche, che si integrano a vicenda, coprono momenti diversi del ciclo del fitofago.

Tecnica del campionamento
In questo caso vengono controllati i germogli apicali; la tecnica prevede il controllo percentuale dei germogli infestati da larve e si interviene solo quando i germogli infestati rappresentano il 10% degli organi controllati. Questo controllo è importante per le larve svernanti e quelle di prima generazione. In questo caso i trattamenti si eseguono al superamento della soglia con gli stessi prodotti indicati, di seguito, per la tecnica del monitoraggio.

Tecnica del monitoraggio
In questo caso vengono utilizzate delle trappole sessuali; la tecnica di esecuzione prevede:
- installazione delle trappole verso la fine di aprile;
- densità di trappole: 1-2 trappole per ettaro o per appezzamento;
- soglia di intervento: 7-10 adulti catturati per trappola per settimana (o 10 adulti in 2 settimane); si deve anche considerare che la lotta contro. L’Anarsia deve rapportarsi al controllo della Cydia molesta.
Gli interventi si eseguono:
- dopo 14-15 giorni dal superamento della soglia per le larve di la generazione;
- dopo circa 4-6 giorni dal superamento della soglia.
All'inizio dei voli si possono utilizzare anche alcuni regolatori di sviluppo chitino-inibitori. Infine in alcune condizioni operative può essere impiegato il Bacillus thuringiensis ssp. kurstaki.
Tra i nemici naturali ricordiamo solamente un Imenottero parassitoide: Paralitomastix variicornis; questo si è dimostrato in grado di svolgere una certa azione di controllo delle popolazioni di Anarsia. In determinate condizioni operative è possibile applicare il metodo della confusione sessuale o disorientamento dei maschi combinato con la Cydia molesta, collocando gli appositi dispenser erogatori nel frutteto all'inizio dei voli (o appena prima) dei due fitofagi.

Versione italiana English version Versión española
Il mio frutteto biologico Orto e giardino biologico Coltivare l'olivo

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy