Capestrina
Atlante delle razze caprine

Origine e diffusione

La probabile area di origine di questa popolazione caprina è la dorsale dei Monti Lepini, Ausoni ed Aurunci (regione Lazio). La zona di allevamento è situata nel sud del Lazio con principale consistenza nell’area di origine sulle dorsali delle provincie di Roma, Frosinone e Latina dei Monti Lepini, Ausoni ed Aurunci. Una diffusa presenza la si riscontra anche nei monti del Gruppo delle Mainarde ed in Val Comino. Ultime propaggini di diffusione sembrano i Monti Prenestini in provincia di Roma. L'allevamento, grazie alle forti caratteristiche di rusticità, è allo stato brado nel periodo primaverile-estivo-autunnale con prevalente utilizzo di  pascolo naturale erbaceo-arbustivo di macchia mediterranea  e rare integrazione di cereali; nel periodo invernale si trasforma in sistema semibrado in cui l’integrazione alimentare viene effettuata al pascolo ma con più importanti integrazioni di fieno e cereali.
La razza è in corso di censimento ed il Registro Anagrafico è in corso di approvazione. La consistenza attuale è stimata intorno ai 1.000 capi.

Caratteristiche morfologiche e produttive

Taglia: grande
Altezza al garrese:
- Maschi: 93-94 cm
- Femmine: 74-79 cm
Peso medio:
- Maschi: 85 kg
- Femmine: 46-53 kg

Testa: grande ed espressiva,  a volte con profilo leggermente camuso più accentuato nei maschi. Guance piatte mai allargate nella zona mandibolare. Coperta da peluria corta e quasi sempre caratterizzata da una linea bianca sopraorbitale. Sempre presente la barbetta che si presenta molto pronunciata nei maschi. Le corna sono presenti in entrambi i sessi e sono grandi, divergenti e relativamente appiattite lateralmente. Le orecchie sono generalmente grandi, larghe, pendenti e semipendenti.
Collo: lungo e molto largo nei maschi.
Tronco: lungo con torace ed addome sempre molto sviluppati ed ampia groppa spiovente.
Apparato mammario: mediamente sviluppato ben proiettato rispetto alla groppa. Conformazione variabile da bifido a ipogloboso.
Arti: robusti con larghi unghioni neri.
Mantello: melanico (nero o marrone focato) uniforme su tutto il corpo e con arti chiari con linea nera anteriore.

Fertilità: superiore al 90%
Prolificità: 70%
Fecondità: superiore al 160% nelle pluripare
E tà media al primo parto: tra i 18 ed i 24 mesi di età; non sono rare quelle che partoriscono a 12 mesi.

Attitudine prevalente: latte anche se il “sottoprodotto” capretto  è molto apprezzato. Quest’ ultimo raggiunge i 10 – 12 Kg di Peso vivo intorno ai 40-50 giorni a secondo se proviene da parto unico o gemellare. Diffusa è anche la produzione del “caprettone” di ferragosto macellato sui 20-25 Kg di peso vivo.
Produzione latte (al netto del latte poppato dal capretto):
- Primipare: lt.  70,0 in 100 giorni
- Secondipare lt. 120,0 in 150 giorni
- Pluripare lt. 150,0 in 150 giorni

Becco di Capestrina Capestrina - Becco (foto Di Marco Alessandro Associazione Nazionale della Pastorizia)

Capra Capestrina Capestrina - Capra (foto Di Marco Alessandro Associazione Nazionale della Pastorizia)

Razze italiane
Razze estere
Versione italiana English version Versión española
Capre Pecora Come avviare un allevamento di alpaca
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy