Criocera del giglio - Lilioceris lilii Scopoli, 1763
Atlante di Entomologia Agraria - Insetti utili e dannosi

Classificazione e piante ospiti

Classe: Insetti
Ordine: Coleotteri
Sottordine: Polifagi
Famiglia: Crisomelidi
Genere: Lilioceris
Specie: L. lilii Scopoli, 1763

Piante ospiti: Liliaceae.
Specie originaria dell'Eurasia, è divenuto infestante nelle zone temperate, ove ci siano coltivazioni di Liliaceae.

Specie simile è Lilioceris merdigera (Crioceris merdigera L.) che attacca prevalentemente il mughetto.

Identificazione e danno

Gli individui adulti sono lunghi 6-8 mm, presentano corpo, zampe e antenne di colore nero, mentre il protorace e le elitre sono di colore rosso acceso.
Le uova cilindriche, giallo-rossastre, sono deposte in gruppi sulla pagina inferiore delle foglie, lungo le nervature. Le larve sono rivestite da una sostanza mucillaginosa nerastra frammista a escrementi; a maturità sono lunghe circa 9-10 mm, di colore giallastro-aranciato con zampe e capo marrone scuro.
Gli adulti consumano relativamente poca sostanza vegetale. Sono le larve a causare i principali danni, portando frequentemente alla defogliazione totale delle piante di Lilium ed anche di Fritillaria.

Ciclo biologico

Sono attivi a marzo-aprile, con gli accoppiamenti e le ovideposizioni sulla vegetazione, fino a fine autunno, per poi svernare a fine autunno in vari ricoveri del giardino.
Le uova sono ovoidali, arancioni, adese a gruppetti lungo le pagine inferiori delle foglie. Le larve, lunghe 9-10 mm, sono arancio brunastre e con la testa nera. Si circondano di escrementi nerastri, che asciugando formano una calotta a protezione dei predatori. Si nutrono per circa 16-24 giorni, poi si impupano nel terreno dallo stadio di crisalide (durante 16-22 giorni) emergono gli adulti.

Criocera del giglio Criocera del giglio - Lilioceris lilii Scopoli, 1763 (foto http://www.zin.ru)

Criocera del giglio Larva di Criocera del giglio - Lilioceris lilii Scopoli, 1763 (foto http://bugguide.net)

Lotta

In un giardino con poche piante conviene raccogliere gli adulti e le larve ed eliminarli meccanicamente. Il controllo sulle piante deve essere fatto molto frequentemente, perché gli insetti adulti volano, si accoppiano sulle piante e subito depongono le loro uova rosse sulla pagina inferiore delle foglie.


Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy