Crisomela del pioppo - Chrysomela populi L.
Atlante di Entomologia Agraria - Insetti utili e dannosi

Classificazione e piante ospiti

Classe: Insetti
Ordine: Coleotteri
Sottordine: Polifagi
Famiglia: Crisomelidi
Genere: Chrysomela
Specie: C. populi L.

Piante ospiti: Pioppo, Salice.

Identificazione e danno

Gli adulti (circa 12 mm di lunghezza) sono Coleotteri di forma ovoidale, con vistose elitre di colore rossastro; il torace ed il resto del corpo sono neri con riflessi verdastri.
Le larve sono oligopode, di colore biancastro con riflessi giallognoli a maturità; lungo il corpo presentano file longitudinali e regolari di tubercoli neri (le giovani larve sono più scure).
Le uova che sono cilindriche/ellittiche e di colore arancio-ocraceo; vengono deposte a gruppi nella pagina inferiore delle foglie.
Il danno è provocato sia dagli stadi adulti sia dalle larve; entrambi sono defogliatori. Gli adulti mangiano il lembo in modo irregolare, smarginandolo e bucherellandolo; le larve dapprima (larva giovane) scheletrizzano le foglie, quindi divorano tutto il lembo.
L'esito dell'attacco è una defogliazione più o meno grave a seconda dell'attacco.

Ciclo biologico

La Crisomela del Pioppo sverna come adulto, riparato al suolo tra i residui vegetali secchi o in vari altri anfratti; in certi casi si può anche interrare.
In primavera, aprile-maggio, gli adulti svernanti si portano sulle piante ed iniziano l'attività trofica, danneggiandole come descritto; successivamente si accoppiano ed ovidepongono sotto alle foglie gruppi di uova cilindriche.
Le larve neonate rodono le foglie accentuando il danno provocato dagli adulti.
Queste larve, all'inizio dell'estate, originano gli adulti della la generazione.
Nel corso dell'anno si possono svolgere ancora una 2a ed eventualmente una 3a generazione; gli adulti dell'ultima generazione sverneranno. La Melasoma populi compie, pertanto, 2-3 generazioni all'anno.

Crisomla del pioppo Crisomela del pioppo - Chrysomela populi L. (foto www.evasion.it)

Crisomela del pioppo Crisomela del pioppo - Chrysomela populi L. (foto www.evasion.it)

Lotta

La lotta contro Melasoma populi è di tipo chimico. Essa viene effettuata solo in presenza di forti infestazioni e specialmente nei vivai; infatti più la pianta è giovane (vivaio o nei primi anni dell'impianto) maggiori sono i danni conseguenti all'attacco.
I trattamenti si eseguono contro la prima serie di infestazioni larvali (larve giovani). In alcune condizioni operative è possibile utilizzare il Bacillus thuringiensis ssp. tenebrionis (sulle giovani larve), ed un chitino-inibitore sulle uova e sulle giovani larve.

Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy