Lucciole - Lampyris noctiluca L. 1767 - Luciola italica L. 1767
Atlante di Entomologia Agraria - Insetti utili e dannosi

Classificazione e diffusione

Classe: Insetti
Ordine: Coleotteri
Sottordine: Polifagi
Famiglia: Lampyridae
Specie:
- Lampyris noctiluca
L. 1767
- Luciola italica L. 1767

Lampyris noctiluca

Presenta un vistoso dimorfismo sessuale. Il maschio è alato, con il corpo e le appendici giallastre, il pronoto giallastro e dotato di una grande macchia scura e le elitre bruno opaco, talvolta giallastre lungo i bordi e la sutura.
La femmina ha invece aspetto larviforme e priva di ali. Può arrivare a 25 mm di lunghezza. Il pronoto è simile a quello del maschio, mentre i segmenti addominali sono bruni scuri e orlati di rosa. La femmina può emettere luce per ore, il maschio solo per brevi istanti.

Biologia
A differenza delle più comuni lucciole (Luciola italica), le Lampyris noctiluca compaiono spesso in individui isolati. I maschi volano alla loro ricerca emettendo lampi di luce. Le femmine, molto più rare e difficili da vedere, strisciano al suolo facendosi notare per la loro luminosità. Le larve vivono per due o tre anni, cibandosi prevalentemente di chiocciole e limacce. La preda viene attaccata a morsi, iniettandole un fluido digestivo marrone tossico. Il fluido agisce lentamente, paralizzando la vittima e trasformando parte di essa in una pappina marrone, che la larva risucchia. In alcuni casi la vittima riesce a trascinarsi via e a sopravvivere al pasto. La larva attacca lumache che sono spesso 200 volte il proprio peso, e si attiva nelle stesse ore di maggior attività delle prede, ossia di notte e in condizioni climatiche umide. La larva muta quattro o cinque volte nel corso della propria esistenza. Durante l'inverno si nascondono in posti riparati, al buio e vanno in ibernazione, per poi risvegliarsi in primavera.

Larva di lucciola Femmina e maschio di Lucciola - Lampyris noctiluca (foto di Hectonichus)

Larva di lucciola Larva di Lucciola - Lampyris noctiluca (foto Heinz Albers, www.heinzalbers.org)

Luciola italica

A differenza del genere Lampyris, anch'esso presente in Italia, le lucciole del genere Luciola non hanno uno spiccato dimorfismo sessuale, ma si possono comunque riconoscere facilmente. I maschi sono alati, con un corpo lungo e snello, e possono essere lunghi più di un centimetro. Possono volare a circa un metro da terra o di posarsi su steli. Le femmine, più rare, sono anch'esse alate, ma il corpo è più tozzo e corto e si trovano frequentemente a terra, forse sono appena nascoste dall'erba. Il pronoto, in entrambi i sessi, non ricopre totalmente il capo e può presentare una macchia rossiccia centrale. Le elitre sono marrone scuro e ricoprono tutto il corpo. Nella parte ventrale, la parte terminale dell'addome è di colore bianco, e qui si ha la produzione della luce.
Tre le specie del genere Luciola:
- Luciola italica (Linnaeus, 1767) (Italia, Balcani occidentali);
- Luciola lusitanica (Charpentier, 1825) (Portogallo, Spagna, Francia, Italia, Balcani, Russia meridionale);
- Luciola novaki (Müller, 1946) (Balcani occidentali).

Larva di lucciola Lucciola Luciola italica (foto www.insects.ch)


Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy