Oca American Buff - Razza domestica da reddito
Atlante delle Oche - Oche domestiche e selvatiche allevabili

Origine, diffusione e caratteristiche economiche

E' una delle due razze (l'altra è la Pilgrim) di origine americana; ma gli esemplari che diedero origine a questa razza giunsero dalla Pomerania nel 1900. In questa regione della Germania orientale, svernano quattro specie di oche selvatiche, che hanno in comune le zampe rosa (Greylang orientale, "Pink-footed") o becco rosso rosaceo (Greylang, "lesser White-fronted" e "White-fronted"). La Embden, pare ebbe origine da alcune di queste razze selvatiche che le trasmisero becco e zampe rosso rosaceo; anche l'American Buff ha ereditato da quelle oche selvatiche quella tonalità nel becco e nei tarsi; ma questi aspetti sono mutati e lo standard americano attualmente stabilisce becco e zampe arancioni, che solo con un accurata selezione si possono ottenere. Le oche menzionate qui sopra posseggono un piumaggio marrone-beige trasmesso anche all'oca Buff Back, che sicuramente ha avuto un ruolo saliente nella creazione dell'American Buff; quando questa razza dell'Europa orientale, giunse in America nel 1970. Infatti l'American Buff è una razza molto recente! Tanto è vero che quest'ultima ha le medesime dimensioni della Buff Back e la sua struttura morfologica è al quanto simile alla cugina europea.
Le American Buff hanno riscosso un immediato successo in America e per le loro dimensioni (di taglia medio/grande), che per questo suo meraviglioso piumaggio beige. Inoltre si tratta di un oca molto resistente, rustica e di carattere abbastanza docile. Di contro però non è semplice mantenere la colorazione beige perché vi sono diversi esemplari con geni recessivi che, oltre a ripresentare il becco e i tarsi rosso rosacei, presentano anche il dorso marrone che le rende molto simile alla English Saddleback o alla Grey Back. Se una femmina presenta un piumaggio grigiastro bisogna accoppiarla con un maschio dal colore più tenue per ottenere nuovamente esemplari beige. E il dilemma per la conservazione di questa tonalità non finisce qui! Il piumaggio beige è molto delicato e tende a degradarsi con il sole e anche prima di ogni muta, pertanto, se si desidera esemplari da mostra, bisognerebbe adottare alcune strategie; qualche tempo prima di esibire i propri animali, bisogna tenerli il più possibile all'ombra e somministrare loro abbondante alimento verde. Nel 2003 c'erano meno di 500 animali di allevamento e da cinque gruppi di riproduzione. Quindi negli Stati Uniti l'American Buff è classificata come razza rara!

Caratteristiche morfologiche

Taglia: medio/grande

* I pesi riferiti qui di seguito sono riportati dall' ultimo aggiornamento degli standard inglesi, tuttavia in America vengono segnalati pesi decisamente inferiori e per questa ragione ritengo questa razza di taglia medio/grande.

American Buff (Standard americano)
Peso medio:
- Maschio a. 8,16 kg
- Femmina a. 7,26 kg

American Buff (Standard inglese)
Peso medio:
- Maschio a. 10,0-12,7 kg
- Femmina a. 9,1-11,8 kg

E' un oca dal corpo compatto e robusto con un collo di media lunghezza e robusto, senza bavetta, ma viene ammesso un certo ingrossamento sotto al becco. Il ventre possiede due sacchi ben sviluppati e simmetrici. La disposizione delle distinte colorazioni del piumaggio sono identiche a quelle della Tolosa Buff, tranne che nelle zone macchiate che, in quest'ultima sono grigie, mentre nell'American Buff sono di marrone e beige chiaro e con un orlato molto più chiaro nelle piume. Becco e tarsi sono arancioni rossastri e occhi marroni.
Deposizione annua di 10/20 uova.

Si ringrazia Francesco Silletta

Oche American Buff American Buff (foto www.iseespots.com)

Selvatiche
Domestiche
Versione italiana English version Versión española
Gli ovini da latte Allevare galline felici Atlante delle razze autoctone

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy