Oca di Lomellina - Razza domestica da reddito
Atlante delle Oche - Oche domestiche e selvatiche allevabili

Origine, diffusione e caratteristiche economiche

Origine: Lombardia (Italia)

La Lomellina, dal punto di vista geomorfologico risale all'era quaternaria. Il territorio, fertile e pianeggiante, è caratterizzato dai lunghi filari dei pioppi che delimitano le grandi estensioni dei campi e scandiscono il ritmo del tempo. Questa campagna è stata coltivata per diversi secoli principalmente a frumento, mais e foraggio; tuttavia, oggi, la Lomellina è il regno del riso e, grazie a ciò, la provincia di Pavia è la prima produttrice risicola italiana. Questi aspetti rendono la Lomellina un area assolutamente adatta all' allevamento di oche. Da Teodoro Pascal: << ...in diverse regioni dell'Alta Italia, specie nella Lomellina, al mattino, un ragazzo riunisce nella piazza del villaggio le oche di diverse massaie e le conduce al pascolo, verso sera ritorna col branco satollo e le oche, mana mano che passano davanti alle case loro abbandonano il branco e vi rientrano>>.
Nei pressi di Mortara e di Mede infatti, vi sono allevamenti di questi uccelli che riforniscono di paperi altri allevamenti di minori dimensioni e così le varie aie di fattorie e cascine, sono sedi in cui le oche prosperano numerose! Infatti il salame d' oca di Mortara è un prodotto di nicchia celeberrimo!!! Ma negli anni trascorsi e oramai perduti, dello scorso secolo, girava voce che in loco fosse stata realizzata una razza di oca che pare fosse di rispettabili dimensioni: l'oca di Lomellina. Un uccello dal piumaggio bianco picchiettato qua e là da piume color grigio/bluastro. Ma in nessun testo di avicoltura si fa seriamente menzione a questa fantomatica oca; i più esperti sostengono che si trattasse di un semplice ibrido (fenotipo) e non di una razza selezionata con cura (genotipo); probabilmente il risultato di tutta una serie di incroci derivati dagli incubatoi di quegli allevamenti del posto. L'enigma di quest' oca, è alimentato dal fatto che i residenti, menzionano sovente questa razza, ogni qual volta ci si imbatta in un oca dalla livrea bianca maculata sul dorso da macchie color grigio-blu. Per cui pare ci sia del vero!
Nel Lazio, per esempio, ogni oca, che sia bianca, bruna e addirittura Cignoide compresa, viene indistintamente considerata Oca del Campidoglio; nella Lomellina invece il riferimento a quella razza sconosciuta è indirizzato appunto ad un oca che presenta le caratteristiche sopra descritte. Inoltre, a detta degli allevatori della zona, l'oca di Lomellina era al quanto conosciuta. Ma chi si è dato alle ricerche sul campo non ha avuto nessun riscontro positivo.

Caratteristiche morfologiche

Taglia: media
Peso medio:
 - maschio 6-8 kg
 - femmina 5-7 kg

Il piumaggio è bianco, fittamente macchiettato e variegato in grigio. Zampe e tarsi sono giallo-arancio.

Oca di Lomellina
Oca di Lomellina (foto Dr. Alessio Zanon)

Selvatiche
Domestiche
Versione italiana English version Versión española
Allevare in fattoria naturalmente Allevamento della capra Dalla ghianda al cotechino

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy