Cocciniglia elmetto degli agrumi - Ceroplastes sinensis Del Guercio
Atlante di Entomologia Agraria - Insetti utili e dannosi

Classificazione e piante ospiti

Classe: Insetti
Ordine: Rincoti
Sottordine: Omotteri
Famiglia: Coccidi o Lecanidi
Genere: Ceroplastes
Specie: C. sinensis Del Guercio

Riferimento bibliografico:
Fitopatologia, entomologia agraria e biologia applicata” – M.Ferrari, E.Marcon, A.Menta; Edagricole scolastico - RCS Libri spa

Piante ospiti: Agrumi, Pero, Albicocco, Ornamentali arboree (Agrifoglio, Evonimo, Platano, ecc.) ed erbacee (Crisantemo, Margherita, ecc.).

Identificazione e danno

Il Ceroplastes sinensis (Ceroplaste o cocciniglia elmetto degli agrumi) è specie conosciuta in Italia fin dalla fine dell'800; attualmente è diffusa nelle regioni meridionali, in Sicilia, in Sardegna ed in Liguria.
Questa specie, peraltro molto polifaga, ed una molto simile (la Ceroplastes rusci, tipica però del Fico), attaccano di preferenza gli Agrumi e soprattutto il Mandarino. La femmina adulta (circa 6-7 mm di lunghezza) ha il corpo protetto da 7 piastre cerose di cui una, quella centrale, è di colore bianco rosato. Il maschio (circa 1,5 mm di lunghezza) è di colore bruno-rossiccio ed è dotato di ali; esso sfarfalla da follicoli bianchi ellittici, lunghi circa 2 mm e ornati di raggi cerosi, che sono fissati, in prevalenza, lungo la nervatura principale della foglia, nella pagina superiore. Le neanidi che misurano circa 0,5-1 mm, sono di colore rossastro.
Il danno si manifesta sulle foglie e sui rametti ed è determinato dalle punture trofiche e dalla produzione di melata, con conseguente sviluppo di fumaggine.
L'attacco provoca deperimento della pianta e, in casi di forti infestazioni, può causarne anche la morte; in ogni caso la presenza delle fumaggini deprezza notevolmente il prodotto.

Ciclo biologico

Il Ceroplastes sinensis sverna come neanide femminile di 3a età, oppure come giovani femmine già fecondate. Inoltre, possono svernare, come neanidi, anche quella parte di maschi non sfarfallati nell'autunno; questi sfarfallano alla fine   dell'inverno.
Le neanidi femmina proseguono lo sviluppo nella pri­mavera successiva e divengono mature all'inizio dell'estate; tra giugno e luglio, le femmine adulte iniziano ad ovideporre.
La nascita delle nuove neanidi avviene, normalmente, in luglio e continua fino ad agosto.
Le neanidi, in un primo tempo, vivono sulla pagina superiore delle foglie e successivamente colonizzano i rametti, sui quali raggiungono la maturità nella primavera successiva. I maschi in parte sfarfallano a fine autunno, ed in parte a fine inverno. Il Ceroplastes sinensis compie, pertanto, una generazione all'anno.

Cocciniglia elmetto degli agrumi Cocciniglia elmetto degli agrumi (foto www.azoresbioportal.angra.uac.pt)

Lotta

La lotta contro il Ceroplastes sinensis è di tipo chimico; tuttavia, in natura vi sono numerosi nemici naturali che riescono a controllare efficacemente le popolazioni del fitofago.
Tra questi ricordiamo:
- alcuni Coccinellidi del genere Chilocorus ed Exochomus;
- larve di Lepidotteri del genere Coccidiphaga;
- alcuni Imenotteri parassitoidi come Scutellista cyanea (oofago), e Tetrastichus ceroplastophilus;
- alcuni funghi del genere Verticillium.

Lotta chimica
La lotta chimica specifica si effettua solamente in caso di infestazioni particolarmente pericolose con soglie di 3-5 neanidi per foglia; i trattamenti devono essere eseguiti contro le giovani neanidi, in quanto gli adulti sono poco vulnerabili perché protetti dalle formazioni cerose e dal corpo ispessito (femmine). L'intervento viene fatto nel periodo estivo con:
- Oli minerali leggeri e con Fosforganici, con Carbammati, con Piretroidi, o con Buprofezin (contro le neanidi).

Fitopatologia, entomologia agraria e biologia applicata


Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Elicicoltura Orto biologico
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy