Cocciniglia del nocciolo - Eulecanium coryli L.
Atlante di Entomologia Agraria - Insetti utili e dannosi

Classificazione e piante ospiti

Classe: Insetti
Ordine: Rincoti
Sottordine: Omotteri
Famiglia: Coccidi o Lecanidi
Genere: Eulecanium
Specie: E. coryli L.

Riferimento bibliografico:
Fitopatologia, entomologia agraria e biologia applicata” – M.Ferrari, E.Marcon, A.Menta; Edagricole scolastico - RCS Libri spa

Piante ospiti: Nocciolo, Pomacee, Susino, Albicocco, Prugnolo, Biancospino, Rosa, Lauroceraso, Latifoglie forestali (Tiglio, Olmo, Acero, Carpino).

Identificazione e danno

La femmina adulta (circa 5 mm di lunghezza) ha il corpo di colore bruno-fulvo, di forma ovale, molto convesso e liscio; dopo l'ovideposizione tende ad appiattirsi e diviene, dorsalmente, corrugato.
Il maschio (circa 2,5-2,6 mm di lunghezza) alato, sfarfalla da un follicolo allungato, costituito da più placche di cera bianca e traslucida.
Le neanidi infestano la pagina inferiore delle foglie, sottraendo linfa e producendo abbondante melata; in autunno migrano sui rametti. Il danno, oltre alla sottrazione di linfa, è provocato dall'abbondante produzione di melata che favorisce la formazione delle fumaggini e riduce gli scambi gassosi, provocando asfissia.
In caso di forti infestazioni si possono manifestare deperimenti vegetativi; tuttavia il fitofago normalmente non provoca danni rilevanti.

Ciclo biologico

La Cocciniglia del Nocciolo sverna come neanide sugli organi legnosi. All'inizio della primavera, oppure più tardi (aprile-maggio) a seconda delle condizioni ambientali, le femmine sessualmente mature e dopo l'accoppiamento (non sono partenogenetiche) iniziano a deporre le uova; queste rimangono protette dal corpo materno fino alla nascita delle neanidi. Le neanidi raggiungono le foglie, fissandosi nella pagina inferiore, dove rimangono fino all'inizio dell'autunno, quando migrano sui rametti per svernare. La Cocciniglia del Nocciolo compie una generazione all'anno.

Cocciniglia del nocciolo - Eulecanium coryli Cocciniglia del nocciolo - Eulecanium coryli L. (foto www.agroatlas.ru)

Lotta

La lotta contro la Cocciniglia del Nocciolo è di tipo chi­mico; tuttavia le popolazioni del fitofago sono controllate da numerosi nemici naturali che riescono a impedire il pullulare del fitofago.
Tra gli entomofagi che controllano questa specie ricordiamo:

  • Coleotteri Coccinellidi come l'Exochomus quadripustulatus, il Chilocorus bipustulatus;
  • Imenotteri Calcidoidei dei generi Coccophagus, Encyr­tus, Aphycus ed altri.

In caso di forti infestazioni, quando cioè gli entomofagi e le condizioni ambientali non sono riusciti a mantenere la popolazione sotto le soglie di danno, si possono eseguire dei trattamenti alla fuoriuscita delle neanidi. I prodotti da utilizzare sono gli Oli bianchi eventualmente attivati.

Fitopatologia, entomologia agraria e biologia applicata


Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Elicicoltura Orto biologico
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy