Cimicetta del mandorlo - Monosteira unicostata Muls. e Rey
Atlante di Entomologia Agraria - Insetti utili e dannosi

Classificazione e piante ospiti

Classe: Insetti
Ordine: Rincoti
Sottordine: Eterotteri
Famiglia: Tingidi
Genere: Monosteira
Specie: M. unicostata Muls. e Rey

Riferimento bibliografico:
Fitopatologia, entomologia agraria e biologia applicata” – M.Ferrari, E.Marcon, A.Menta; Edagricole scolastico - RCS Libri spa

Piante ospiti: Ciliegio, Mandorlo e Pioppo.

Identificazione e danno

La Cimicetta del Mandorlo è un piccolo insetto di circa 2-2,5 mm di lunghezza; il corpo è di colore ocraceo-brunastro con macchie trasversali più scure del fondo. Queste macchie sono dovute alle ali che sono trasparenti ma macchiate di scuro in alcuni punti e distese sul corpo.
Questi insetti vivono in colonie sulla pagina fogliare inferiore, specialmente in prossimità delle nervature; con le punture nutrizionali provocano il danno.
Il danno si manifesta sulle foglie, con la comparsa di aree clorotiche argentee sulla pagina superiore, in corrispondenza delle quali, sulla pagina inferiore, si notano numerosissimi puntini nerastri (costituiti dalle uova infisse parzialmente nel mesofillo e ricoperte di escrementi) e le forme mobili degli insetti.
Le foglie molto colonizzate sono soggette a necrosi e a filloptosi anticipata; a volte la caduta delle foglie è molto estesa e provoca ripercussioni sulla produzione.

Ciclo biologico

La Cimicetta del Mandorlo sverna come adulto tra i residui vegetali secchi, oppure alla base delle piante o negli anfratti della scorza.
Gli stadi svernanti molto presto a primavera, a seconda degli ambienti da fine marzo fino a maggio, riprendono l'attività; gli adulti si accoppiano e ovidepongono in modo caratteristico, tra le nervature, dentro il mesofillo con l'uovo che sporge parzialmente all'esterno. L'uovo viene ricoperto da abbondanti escrementi scuri che vengono prodotti dagli adulti e, in un secondo tempo, dalle neanidi.
Da queste uova prende origine la 1a generazione, attiva tra maggio e giugno, i cui adulti sfarfallano in giugno; questi originano una 2a generazione, attiva a luglio, con gli adulti che sfarfallano a fine mese.
Gli adulti di questa seconda generazione, soprattutto al Sud, originano un'eventuale 3a generazione a fine estate; gli adulti di questa sverneranno. L'insetto compie, pertanto, 2-3 generazioni all'anno.

Cimicetta del mandorlo - Monosteira unicostata Cimicetta del mandorlo - Monosteira unicostata Muls. e Rey (foto www.galerie-insecte.org)

Lotta

La lotta contro questo fitofago viene effettuata solamen­te in presenza di attacchi che possano determinare gravi ripercussioni sulla produzione; normalmente questi attacchi pericolosi si riferiscono alla 2a o 3a generazione.
Infine si ricorda che gli interventi insetticidi che si ese­guono per altri fitofagi sono comunque un fattore di contenimento anche per questo insetto.

Fitopatologia, entomologia agraria e biologia applicata


Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Elicicoltura Orto biologico
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy