Afidi dei cereali
Rhopalosiphum padi L.
Metopolophium dirhodum (Walker)
Sitobium avenae (Fabricius)
Atlante di Entomologia Agraria - Insetti utili e dannosi

Classificazione e piante ospiti

Classe: Insetti
Ordine: Rincoti
Sottordine: Omotteri
Famiglia: Afididi
Genere: Rhopalosiphum - Metopolophium - Sitobium
Specie: R. padi - M. dirhodum - S. avenae

Riferimento bibliografico:
Fitopatologia, entomologia agraria e biologia applicata” – M.Ferrari, E.Marcon, A.Menta; Edagricole scolastico - RCS Libri spa

Piante ospiti: Frumento, Orzo ed altri Cereali.

Identificazione e danno

Questi Afidi sono normalmente atteri o alati e misurano circa 2-3 mm di lunghezza; presentano livree diverse, e precisamente:

  • Rhopalosiphum padi: livrea colore verde-grigio;
  • Metopolophium dirhodum: livrea verde giallognola;
  • Sitobium avenae: livrea verde-rosata o brunastra con lunghi sifoni scuri.

Questi Afidi provocano danni direttamente ed indirettamente. I danni diretti si manifestano con ingiallimenti e consistono nella sottrazione di linfa, a causa delle punture trofiche; in questo caso il danno può divenire grave solo in presenza di forti infestazioni sulle spighe. Le spighe attaccate portano cariossidi più leggere e di scarsa qualità. I danni indiretti consistono:

  • nella produzione di melata con conseguente comparsa di fumaggini;
  • nella funzione vettoriale di alcune virosi dei cereali, in modo particolare del Nanismo giallo dell’Orzo.

Questi Afidi sono pericolosi più per questo aspetto (trasmissione di virus) che per i danni diretti.

Ciclo biologico

Questi Afidi presentano alcune differenze di comporta­mento biologico e, pertanto, i cicli biologici vengono descritti separatamente:

  • Rhopalosiphum padi: questo Afide è specie dioica; ha come ospite primario piante del genere Prunus, su cui sverna come uovo durevole. In caso di assenza dell'ospite primario il ciclo può continuare, tutto l'anno, sugli ospiti secondari che sono Graminacee coltivate e spontanee. L'attacco alle Graminacee avviene a partire dalla primavera;
  • Metopolophium dirhodum: questo Afide, meno comune, è specie dioica; gli ospiti primari sono alcune Rosacee spontanee su cui sverna come uovo durevole. Si porta sui cereali in primavera;
  • Sitobium avenae: questo Afide, che è il più diffuso, è specie monoica; svolge tutto il suo ciclo sulle Graminacee, spontanee e coltivate.

Sverna come adulto o come uovo durevole; attacca i cereali più tardi, rispetto agli altri Afidi citati. Il Sitobium avenae colpisce soprattutto le spighe, su cui provoca anche gravi danni. Oltre a questi Afidi si ricordano anche:

  • Schizaphis graminum (Rond.)
  • Rhopalosiphum maidis (Fitch.)
  • Sitobium fragariae (Walk.)

Afide dei cereali - Rhopalosiphum padi Afide dei cereali - Rhopalosiphum padi L. (foto www.sbpi.co.uk)

Afide dei cereali - Metopolophium dirhodum Afide dei cereali - Metopolophium dirhodum (Walker) (foto www.geos.ed.ac.uk)

Lotta

La lotta contro questi Afidi segue i criteri della lotta guidata ed integrata; normalmente le popolazioni di Afidi sono mantenute sotto le soglie di danno dai nemici naturali presenti negli ambienti. Questi entomofagi sono i Neurotteri Crisopidi, i Coleotteri Coccinellidi e le larve di Ditteri Sirfidi. Gli interventi chimici sono giustificati solo al superamento delle soglie di intervento; queste devono essere valutate a fioritura ultimata e sono stimate in alcuni Afidi per spiga (9 Afidi per spiga a fine fioritura o l'80% di culmi infestati sempre a fine fioritura).

Fitopatologia, entomologia agraria e biologia applicata


Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy