Heliotropium - Heliotropium spp.
Atlante delle piante da vaso - Piante da appartamento e da balcone

Classificazione, provenienza e descrizione

Nome comune: Eliotropi, Vainiglia.
Genere: Heliotropium.

Famiglia: Borraginaceae.

Provenienza: regioni più calde del globo.

Descrizione genere: comprende circa 250 specie di piante erbacee o arbustive. Sono queste ultime ad essere coltivate come piante da vaso o per formare aiuole. Sono abbastanza delicate e necessitano di protezione durante la stagione invernale. Producono fiori variamente colorati e molto profumati, che compaiono in estate.

Heliotropium arborescens Heliotropium arborescens (Giardino Botanico di Berlino) (foto www.agraria.org)

Specie e varietà

Heliotropium arborescens: è il classico eliotropio dai fiori color viola cupo.

Heliotropium peruvianum: detta anche “fiore delle dame”, questa specie presenta foglie dalla forma oblunga con nervature maracate. In estate produce fiori violetti molto profumati. Può raggiungere l’altezza di 2 m.

Heliotropium x hybridum: specie di origine orticola, ottenuta incrociando H. corymbosum con H. peruvianum, presenta foglie oblunghe, dalla lamina rugosa e di colore verde scuro. In primavera e in autunno (ma la fioritura può avvenire durante tutto l’anno) produce fiori piccoli, molto profumati, di colore variabile dal bianco al viola scuro, riuniti in infiorescenze a cima corimbosa. In vaso può cresecere fino a 40-50 cm. sia in altezza che in larghezza; in piena terra raggiunge 1,5 m,. di altezza e 60-70 cm. di diametro. Se ne coltivano diverse varietà tra cui: “Florence Nightingale”, dai fiori malva; ”Marguerite”, che presenta fiori bianchi al centro e blu-porpora intenso ai margini; ”Lemoine’s Giant”, dai grandi fiori porpora; ”Marina”, dalle infiorescenze azzurro-viola, che raggiungono anche 15 cm. di diametro.

Heliotropium arborescens Heliotropium arborescens (Giardino Botanico di Berlino) (foto www.agraria.org)

Esigenze ambientali, substrato, concimazioni ed accorgimenti particolari

Temperatura: la temperatura minima invernale non deve scendere al di sotto di 7-10°C. Non tollera il gelo. Per ottenere una fioritura precoce la temperatura invernale dovrà essere aumentata a 14-16°C.
Luce: molta luce, anche sole diretto.
Annaffiature e umidità ambientale: annaffiare abbondantemente; il terreno dovrà essere mantenuto sempre umido sia in estate che in inverno.
Substrato: terriccio universale o terra fibrosa da giardino, che sarà comunque bene sostituire ogni anno, a marzo.
Concimazioni ed accorgimenti particolari: somministrare concime liquido, ogni dieci giorni, durante il periodo estivo. Per ottenere una fioritura precoce la temperatura invernale dovrà essere aumentata a 14-16°C.

Moltiplicazione e potatura

Moltiplicazione: si riproduce per seme, in febbraio, utilizzando terrine riempite di torba e sabbia e mantenute alla temperatura di circa15-16°C.
Nuovi esemplari si ottengono anche mettendo a radicare, in cassone freddo alla temperatura di 15-16°C., talee, ottenute da rametti della lunghezza 8-10 cm. prelevati a febbraio, luglio o settembre.
Potatura: necessita di una potatura di tutti i rami a due terzi o metà della loro lunghezza, da effettuarsi a marzo.

Malattie, parassiti e avversità

Nome genere A - H
Versione italiana English version Versión española
La coltivazione della vite Guida al biologico Coltivare ed allevare per l'autosufficienza della famiglia

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy