Curcuma - Curcuma spp.
Atlante delle piante da vaso - Piante da appartamento e da balcone

Classificazione, provenienza e descrizione

Nome comune: Curcuma.
Genere: Curcuma.

Famiglia: Zingiberaceae.

Provenienza: originarie dell'Estremo Oriente e dell'Australia.

Descrizione genere: comprende circa quaranta specie; la C. alismatifolia è originaria della Thailandia e del Burma.

Curcuma alismatifolia Curcuma alismatifolia (foto Nelli Elena)

Specie e varietà

Curcuma alismatifolia: presenta lunghe foglie lanceolate, lucide, di colore verde chiaro; in estate, all'apice di fusti alti 60-70 cm, eretti, sbocciano grandi fiori rosati. Le Curcume sviluppano rizomi carnosi, che in Asia vengono utilizzati, essiccati e triturati, come colorante e come spezia alimentare. I fiori hanno forma molto particolare, la fioritura dura a lungo. La bellezza esotica dei fiori, molto simili ai Fiori di Loto, nei colori bianco, rosa, porpora e giallo, la lunghissima durata se recisi (tre settimane o più), il comportamento eretto sia dei fiori che del fogliame lanceolato, ha fatto si che venisse positivamente introdotta commercialmente sia come fiore reciso che come pianta fiorita in vaso. I rizomi si conservano in luogo fresco ed asciutto, con una temperatura minima superiore ai 15°C.

Curcuma longa

Curcuma alismatifolia Curcuma alismatifolia (foto Nelli Elena)

Curcuma longa Curcuma longa (Giardino Botanico di Berlino) (foto www.agraria.org)

Esigenze ambientali, substrato, concimazioni ed accorgimenti particolari

Temperatura: abbisogna di temperature superiori ai 12-15°C, anche durante i mesi invernali. Predilige posizioni luminose, ma non direttamente esposte ai raggi solari.
Substrato: abbisogna di terreno soffice e leggero, ben dotato di sostanza organica, ben drenato, neutro o leggermente acido.
Annaffiature: essendo una pianta di origini tropicali, necessita di un ambiente caldo umido; dall'inizio della primavera all'inizio dell'autunno deve essere innaffiata regolarmente e in abbondanza, evitando i ristagni d'acqua nel sottovaso. Se il clima è molto asciutto meglio vaporizzare periodicamente le foglie. Verso l'inizio dell'autunno le foglie cominciano ad ingiallire: da questo momento deve essere sospesa la somministrazione di acqua, lasciando disseccare le foglie. Il rizoma entrerà in un periodo di dormienza, durante il quale si evitano le annaffiature, lasciando il vaso in luogo fresco ed asciutto, con temperature superiori ai 15°C. Si ricomincia ad annaffiare quando dal terreno spuntano i germogli delle nuove foglie.

Moltiplicazione

Anno dopo anno le radici rizomatose tendono a formare grossi cespi, si possono asportarne piccole porzioni, invasarle singolarmente, dando origine a nuove piante.

Malattie, parassiti e avversità

- Raramente possono essere colpite da cocciniglia; se annaffiate durante i mesi invernali si può manifestare marciume radicale, che può portare rapidamente alla morte della pianta.

- Durante i periodi caldi la pianta può essere attaccata da ragnetto rosso e afidi.

Nome genere A - H
Versione italiana English version Versión española
I funghi dal vero La fattoria biologica Come fare del buon vino
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - [email protected]