Browallia - Browallia spp.
Atlante delle piante da vaso - Piante da appartamento e da balcone

Classificazione, provenienza e descrizione

Nome comune: Fior di zaffiro.
Genere: Browallia.

Famiglia: Solanaceae.

Etimologia: il nome del genere ricorda quello del vescovo di Abo e naturalista, amico di Linneo, Johan Browall.
Provenienza: America del Sud.

Descrizione genere: il genere comprende 6 specie di piante perenni (ma trattate come annuali), semirustiche, con fiori simili a quelli delle viole e foglie, spesso colorate. Sono adatte alla coltivazione in serra nelle zone fredde e all’aperto in zone a clima temperato-caldo.

Browallia speciosa - Fior di zaffiro Browallia speciosa - Fior di zaffiro (foto Luc Pauwels http://home.tiscali.be/lpauwels)

Browallia viscosa Browallia viscosa (foto http://ocultivoavida.blogspot.it)

Specie e varietà

Browallia grandiflora: pianta di piccole dimensione, che produce fiori azzurri con una macchia bianca al centro.

Browallia speciosa: originaria della Colombia, raggiunge 1,2 m d’altezza. È una pianta erbacea perenne trattata generalmente come annuale. Presenta piccole foglie di forma lanceolata e colore verde brillante. I fiori compaiono da giugno settembre, sono di colore azzurro-violetto e raggiungono la larghezza di circa 5 cm. Se le piante vengono cimate, gli esemplari ottenuti saranno meno alti (45-60 cm), ma più folti e compatti. Si sconsiglia la cimatura qualora se ne volesse produrre fiori da taglio. Questi sono ascellari, con un peduncolo piuttosto lungo, un piccolo calice gamosepalo e una corolla che si apre in cinque lobi saldati ed espansi di colore viola-azzurro e lilla al rovescio. In posizione arieggiata e molto luminosa, fioriranno tutto l’anno. Ne esistono diverse varietà. Le più note sono: “Major” e ”Silver Bells”. La prima, particolarmente adatta per la coltivazione in vaso, produce fiori azzurro scuro in autunno-inverno; la seconda presenta invece una fioritura bianca.

Browallia viscosa (Sin. Browalia maricana, B. elata): specie non molto alta (circa 30 cm), dalla forma compatta è adatta per le aiuole o la coltivazione in vaso. Presenta foglie ovate e, da luglio a settembre, produce fiori di colore azzurro-vivo con il centro bianco. La varietà “Sapphire” è ancora più bassa (20 cm circa).

Esigenze ambientali, substrato, concimazioni ed accorgimenti particolari

Temperatura: per mantenere la pianta come perenne, la temperatura minima invernale deve rimanere intorno ai 10-13°C. Per ottenere una fioritura invernale la temperatura minima deve essere mantenuta intorno ai 13-16°C.
Luce: molto forte, con esclusione dei raggi diretti del sole. In estate potranno essere poste all’esterno a mezz’ombra.
Annaffiature e umidità ambientale: regolari per tutto l’arco dell’anno, permettendo al terreno di asciugare tra l’una e l’altra.
Substrato: miscela composta di terricciato di letame e terra di foglie matura in parti uguali, con aggiunta di sabbia e torba.

Moltiplicazione

Per seme in marzo alla temperatura di 18°C. La semina può essere fatta in periodi diversi a seconda di quando si vuole ottenere la fioritura: in agosto per la fioritura invernale in vaso; in febbraio per la fioritura all’inizio dell’estate.

Malattie, parassiti e avversità

- Foglie che appassiscono: ambiente troppo secco. Nebulizzare le foglie e innalzare l’umidità ambientale (ad esempio ponendo la pianta su una terrina riempita di ciottoli tenuti sempre bagnati, facendo attenzione che l’acqua non raggiunga mai il fondo del vaso).

- Afidi e aleurotidi: attaccano foglie e fiori. Succhiano la linfa e rendono la pianta appiccicosa. Si eliminano lavando la pianta e trattandola con insetticidi specifici.

Nome genere A - H
Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy