Coffea - Coffea spp.
Atlante delle piante da vaso - Piante da appartamento e da balcone

Classificazione, provenienza e descrizione

Nome comune: Pianta del caffè.
Genere: Coffea.

Famiglia: Rubiaceae.

Provenienza: regioni tropicali dell’Africa.

Descrizione genere: comprende specie a portamento arbustivo e alberi che possono raggiungere i 3 m. di altezza in piena terra.

Coffea arabica - Pianta del caffè Piantina di Coffea arabica - Pianta del caffè (foto www.agraria.org)

Specie e varietà

Coffea arabica: originaria delle montagne dell’Etiopia, questa specie presenta foglie ovali, lucide, di colore verde scuro e con i margini ondulati, portate da fusti e rami esili e leggeri. In estate produce grappoli ascellari di fiori bianchi stellati e dotati di un intenso profumo, ai quali fanno seguito delle bacche scarlatte contenenti due chicchi di caffè (difficilmente avviene in appartamento). Nei luoghi di origine raggiunge i 4-6 m, mentre in vaso difficilmente supera il metro.

Coffea liberica: originaria dell’Africa occidentale, questa specie presenta foglie lucide più lunghe di quelle della specie precedente (30 cm anziché 15).

Coffea robusta: originaria dello Zaire, questa specie presenta foglie acuminate, cerose e di colore verde scuro. In estate produce fiori bianchi profumati.

Coffea arabica - Pianta del caffè Coffea arabica - Pianta del caffè (Giardino Botanico di Berlino) (foto www.agraria.org)

Esigenze ambientali, substrato, concimazioni ed accorgimenti particolari

Temperatura: la temperatura ideale è 18-20 °C, ma in inverno tollera anche valori inferiori, purché non al di sotto dei 13 °C.
Luce: molto buona, ma al riparo dai raggi diretti del sole, al fine di evitare scottature alle foglie. In modo particolare in inverno la posizione dovrà essere molto luminosa.
Annaffiature e umidità ambientale: annaffiare abbondantemente in estate; ridurre la frequenza delle somministrazioni in inverno, facendo attenzione a non lasciare asciugare del tutto il pane di terra. Sarebbe bene utilizzare acqua non calcarea. L’umidità ambientale dovrebbe essere innalzata, specie in estate, con spruzzature al fogliame.
Substrato: terriccio a base di terra fibrosa da giardino.
Concimazioni ed accorgimenti particolari: bisogna scegliere vasi di dimensioni non eccessive, perché la pianta cresce meglio se le radici sono un po’ costrette.

Moltiplicazione e potatura

Moltiplicazione: il metodo migliore per moltiplicare la Pianta del caffè consiste nel mettere a radicare all’inizio dell’estate, in una terrina riempita di torba e sabbia sotto copertura di plastica trasparente e alla temperatura di 18-20 °C., talee della lunghezza di 10-15 cm. (che presentino almeno una gemma), ottenute dai getti più vigorosi. Si può anche seminare in primavera, in un miscuglio di torba e sabbia mantenuto umido in posizione ombreggiata e alla temperatura di 27-30 °C. Alla nascita delle piantine si dovrà spostare il contenitore in posizione più luminosa, avendo cura di abbassare sia la temperatura che l’umidità.
Potatura: si può ricorrere a una potatura primaverile se la pianta cresce troppo o troppo poco.

Malattie, parassiti e avversità

Foglie che ingialliscono e cadono: la pianta è stata sottoposta a sbalzi di temperatura.

Nome genere A - H
Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy