Lepre alpina - Lepus timidus
Atlante della Fauna selvatica italiana - Mammiferi

Classificazione sistematica e distribuzione

Classe: Mammiferi
Ordine:  Roditori
Famiglia:  Leporidi
Genere: Lepus 
Specie: timidus

La lepre alpina (o lepre variabile, lepre bianca) è una specie perfettamente adattata alla vita in alta montagna ed alle estreme latitudini. E' una specie politipica ed anche in relazione alla vastità del suo areale distributivo ne sono state descritte ben 16 sottospecie; sulle Alpi è presente Lepus timidus varronis. Del gruppo delle cosiddette “lepri delle nevi” fanno parte oltre alla lepre variabile anche la lepre artica o lepre polare (Lepus articus), presente oltre il Circolo Polare Artico dalle isole Aleutine, all’America settentrionale, fino alla Groenlandia, e la lepre variabile del Nordamerica o lepre scarpa da neve o lepre americana (Lepus americanus) che colonizza le zone boscose delle regioni nord orientali dell’America settentrionale.
La parentela tra le lepre variabile e la lepre comune (Lepus europaeus) è piuttosto stretta e le due specie possono riprodursi dando origine ad ibridi fertili.
La lepre variabile è presente nell’Europa settentrionale, in Scozia ed in Irlanda ma la sua distribuzione si estende anche all’Asia settentrionale, fino alla Siberia ed alle isole più nordiche dell’arcipelago giapponese. In Italia è presente solo lungo l'arco alpino, dove vive ad una quota compresa tra 1000 e 3500 m, frequentando praticamente tutte le tipologie. Gli animali tendono di regola a frequentare durante i mesi invernali le quote inferiori, alle quali è maggiore la disponibilità trofica e minore l’inclemenza della stagione, comportandosi invece al contrario nei mesi estivi.ambientali presenti in questo intervallo di quote.

Lepre alpina Lepre alpina o Lepre variabile Lepus timidus (foto www.naturfoto-schiersmann.de)

Lepre alpina Lepre alpina (foto www.iucn.it)

Caratteri distintivi

- Lunghezza testa-corpo: 43-64 cm
- Lunghezza dell'orecchio: 6,3 - 10,6 cm
- Peso: 1,4 -4,7 (le femmine pesano 300-400 gr in più dei maschi)
Corpo di dimensioni medio-piccole, coda molto corta, zampe posteriori potenti e più sviluppate rispetto agli arti anteriori, orecchie allungate, dentatura caratterizzata dalla presenza di 6 incisivi di cui 4 ben sviluppati.
Tipica di questa specie é la dicromia che ne caratterizza la livrea. Durante i mesi estivi la pelliccia della lepre variabile appare di colore grigio-marrone, tranne la coda completamente bianca, mentre nei mesi invernali assume un colore candido, ad eccezione della punta delle orecchie che si mantiene di colore scuro per tutto l’arco dell’anno.

Biologia

Le lepri variabili conducono vita attiva in prevalenza al tramonto, all’alba e nelle ore notturne, durante il dì esse riposano nascoste in anfratti del terreno, sotto rocce o massi o ancora nel fitto della boscaglia alpina. Prevalentemente solitaria può formare gruppi nel periodo invernale se sono presenti risorse alimentari concentrate.
In natura raggiungono l’età di 5-8 anni (max 12). I principali fattori di mortalità sono rappresentati dalla disponibilità di cibo nei mesi invernali, che è fortemente influenzata dalla copertura nevosa, da parassitosi e dalla predazione (volpe, ermellino, faina, martora, lince, aquila reale, astore, poiana, gufo reale e corvo imperiale).
Il periodo degli amori ha luogo in primavera-estate, tra aprile ed agosto.
Nel corso di questo periodo le femmine lasciano delle particolari tracce odorose che vengono seguite dai maschi; l’accoppiamento ha però luogo solamente con il maschio più gradito alla femmina.
La gestazione, che ha luogo di regola due volte all’anno, dura circa 50 giorni ed alla sua conclusione vengono partoriti in genere  cuccioli (min 2 - max 5) del peso di 70-130 gr ciascuno. Essi nascono con gli occhi aperti, ricoperti di pelo e già capaci di effettuare dei piccoli spostamenti. Le cure parentali sono limitate all’allattamento; dopo una decina di giorni dalla nascita inizia lo svezzamento che si conclude attorno al trentesimo giorno con l’acquisizione da parte delle giovani lepri della completa indipendenza.
Il regime alimentare delle lepri variabili è strettamente erbivoro e comprende erbe, bacche e funghi. Durante i mesi invernali, nel corso dei quali il prolungato innevamento riduce drasticamente le disponibilità trofiche dell’ambiente, le lepri variabili si adattano a nutrirsi anche di cortecce, radici, foglie, secche, muschi, licheni e semi.

Indagine sulla Lepre variabile nel Parco Naturale Adamello Brenta www.pnab.it >>>

Mammiferi
Versione italiana English version Versiķn espaņola
Gli ovini da latte Allevare galline felici Atlante delle razze autoctone

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy