Pistacchio - Pistacia vera L.
Atlante delle coltivazioni arboree - Alberi da frutto

Generalità

Il Pistacchio (Pistacia vera L.) e' orginaria di una vasta zona dell'Asia Minore, Siria e Turchestan.
Diffusa soprattutto in Iran, Turchia, Gracia e Siria. E' sta introdotta recentemente anche negli Stati Uniti e in Italia viene coltivata quasi esclusivamente in Sicilia.
Appartiene alla Famiglia delle Anarcadiaceae, genere Pistacia, che comprende le seguenti specie:
- Pistacia vera L., o pistacchio, specie a foglia caduca, coltivata per i frutti;
- Pistacia terebinthus L., o terebinto, specie a foglia caduca, usata come portinnesto del pistacchio;
- Pistacia lentiscus, o lentisco, specie sempreverde, usata come portinnesto del pistacchio.
Di altezza media intorno ai 4-5 metri, puo' superare anche gli 8-10 m. Ha una corteccia di color grigio cenere, una chioma ampia e branche pendule. Il legno e' duro e pesante, giallo intenso nelle piante giovani e rosso bruno in quelle adulte. Foglie composte, caduche, imparipennate, tomentose nelle piante giovani, glabre e coriacee in seguito. Fiorisce in aprile-maggio e presenta fiori apetali, portati da infiorescenze ascellari a pannocchia; quelli femminili sono simili a un piccolissimo frutto con stimma trifido, carenato, allargato e papilloso, mentre quelli maschili sono provvisti di brattee e di grosse antere. Il frutto e' una drupa monosperma, con mallo sottile, peduncolata, ovale. Il seme, contenuto in due valve giallo crema o biancastro, e' unico e allungato, di colore verde chiaro, ricco di olio e proteine, sostanze estrattive inazotate e vitamine. Pianta dioica e l'impollinazione viene assicurata sia da piante maschili di Pistacia vera che da piante spontanee di Pistacia terebinthus e da ibridi naturali tra P. vera e P. terebinthus.

Pistacchi Pistacchi (foto www.agraria.org)

Varietà e portinnesti

Il portinnesto influenza sensibilmente la produttivita' e il vigore della pianta; viene moltiplicato per innesto a gemma vegetante sia su terebinto spontaneo, originando gli impianti "naturali", sia sui semenzali di pistacchio e terebinto e su polloni radicati di terebinto, originando gli impianti artificiali. Se innestato su terebinto e' in grado di vegetare anche in terreni poco profondi o rocciosi.
Poche sono le cultivar coltivate e valutate in funzione della produttivita' e delle caratteristiche qualitative dei frutti; ricordiamo: Bianca o Napoletana (la piu' diffusa), Cerasola o Femminella, Cappuccia, Insolia, Agostina e Natalora. Le prime due sono coltivate un po' dovunque, le altre hanno diffusione prevalentemente locale.

Tecniche colturali

Molto resistente alla siccita', in Sicilia viene coltivato a un'altitudine variabile dai 300 ai 750 m Si adatta ai terreni rocciosi e calcarei e anche alle lave vulcaniche; predilige le esposizioni a sud. Buona resistenza al freddo, teme le gelate primaverili.
Nei pistaccheti naturali la densita' di impianto varia da 50 a 500 piante ad ettaro, allevate con una forma denominata "a ceppaia", molto simile al vaso policaule, mentre in quelli artificiali si ricorre a sesti in quadro di m 6-10 x 6-10 con investimenti di 100-280 piante ad ettaro, allevate a vaso piu' o meno aperto e impalcato a 80-100 cm. Gli interventi di potatura sono limitati in quanto, specie le grosse branche, cicatrizzano molto lentamente. Durante la fase produttiva si attuano interventi annuali o poliennali per eliminare i rami deperiti, secchi, malati. In alcuni casi vengono attuati anche interventi di potatura verde, quali la scacchiatura e la spollonatura (nel terebinto). Per contenere lo sviluppo delle infestanti e limitare l'evaporazione si possono eseguire alcune lavorazioni superficiali o diserbo chimico.

Produzioni

La raccolta dei frutti avviene in genere in settembre, a mano e, a volte, ricorrendo all'ausilio di teloni o reti. Tale operazione, che una volta si eseguiva in 2-3 riprese, si effettua oggi generalmente in un'unica soluzione.
Dopo la raccolta i frutti devono essere privati del mallo e posti ad asiugare al sole per alcuni giorni. La produzione fonita dal pistacchio e' alquanto variabile (mediamente da 7 a 10 quintali ad ettaro di frutti con guscio.

Avversità

Nonostante sia una pianta rustica presenta alcune avversita' parassitarie. Tra le micosi ricordiamo: la septoriosi (Septoria pistaciae, l'alternaria (Alternaria alternata), la ruggine (Pileolaria terebinthi) e la Botyosphaeria ribis.
Tra gli insetti il piu' famoso e' il foragemme (Chaetoptelius vestitus), un coleottero. Altri sono il curculionide Coeliodes erithroleucus e il lepidottero Adrasteia humeralis. Tra quelli che attaccano i frutti il piu' importante e' il Megastigmus pistaciae.

Frutti maggiori
Agrumi
Frutti minori
Piccoli frutti
Frutti tropicali
Versione italiana English version Versión española
Guida pratica alla Permacultura Manuale di Lombricoltura Le Insalate

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy