Volpino Italiano
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Italia.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 5 - cani di tipo spitz e tipo primitivo.

Il Volpino Italiano è una razza abbastanza giovane, nata intorno al 1600. Proviene dai cani dell’Europa del Nord.
Razza popolare nella nobiltà romana e in toscana. E’ una razza considerata molto elegante. Il suo nome deriva dalla parola “volpe”.

Aspetto generale

Cane di piccola mole, mesomorfo, molto raccolto ed armonico nell’insieme. Si distingue a causa del suo folto pelo sollevato e abbastanza lungo.

Carattere

E' un cane molto intelligente, molto vivace e grazioso.
E’ una razza che si affeziona molto facilmente alla persona che se ne prende cura. Alcuni sostengono che le ragioni della sua rarità stanno nel fatto che in un periodo lo si è confuso con il Volpino di Pomerania che è quasi identico nell’aspetto e che quest’ultimo abbia preso il sopravvento.
E’ un canino dalle attitudini e dalle qualità sicuramente da apprezzare.

Volpino Italiano Volpino Italiano (foto www.agraria.org )

Volpino Italiano Volpino Italiano (foto www.agraria.org )

Volpino Italiano Volpino Italiano (foto www.agraria.org )

Standard

Altezza:
 - maschi da 25 cm a 30 cm
 - femmine  da 25 cm a 28 cm
Peso: intorno ai 5 kg
Tronco: con costruzione quadrata. La sua lunghezza è uguale all’altezza al garrese.
Testa e muso: il muso è di lunghezza inferiore a quella del cranio. Le facce laterali sono tra loro convergenti. Il muso è appuntito. La canna nasale è rettilinea.
Tartufo: sulla stessa linea della canna nasale e non è sporgente rispetto alla linea verticale anteriore delle labbra. Pigmentazione sempre nera.
Denti: perfettamente allineati e completi nello sviluppo e nel numero. La chiusura ideale è a forbice, ma è tollerata anche quella a tenaglia.
Collo: di lunghezza pari a quella totale della testa con portamento sempre eretto.
Pelle: aderente in tutte le parti del corpo.
Arti: perfettamente in appiombo e perfettamente paralleli tra loro sia i posteriori che gli anteriori.
Spalla: con lunghezza pari a ¼ dell’altezza al garrese e con inclinazione di 60 gradi rispetto al piano orizzontale.
Muscolatura: di buon sviluppo rispetto alle dimensioni del cane.
Linea superiore: leggermente convesso ai lombi ma sempre rettilinea.
Coda: portata in posizione corretta, cioè arrotolata sul dorso. La lunghezza è di poco inferiore all’altezza al garrese.
Proporzioni: Costruzione nel quadrato, la testa ha una lunghezza di 4/10 rispetto alla lunghezza totale del tronco.
Pelo: Lungo e molto folto con tessitura vitrea. Si deve sempre mantenere sollevato.
Colori ammessi: bianco uniforme, rosso uniforme ed il colore champagne che è ammesso ma non desiderato.
Difetti più ricorrenti: depigmentazione del tartufo, misure fuori standard (altezza di 3 cm oltre i limiti), canna nasale convessa, enognatismo, divergenza degli assi cranio-facciali, anurismo, colori non previsti, macchie rosse su fondo bianco, monorchidismo, criptorchidismo.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze italiane
Razze estere da A a B
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - [email protected]