Berger de Picardie
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Francia.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 1 - cani da pastore.

Il Berger de Picardie (o Pastore della Piccardia) era quasi scomparso dopo il secondo grande conflitto mondiale. Dagli ultimi esemplari rimasti, la razza venne ricostruita a partire dall’anno 1953. Il primo club di razza venne fondato nell’anno 1956. nell’Ottocento questa razza veniva essenzialmente utilizzata, in Francia, per la conduzione delle greggi. L’esordio espositivo della razza, cioè la prima volta che alcuni esemplari di questa razza furono presentati ad una manifestazione canina, avvenne nell’anno 1899 ad Anieus, ma senza poter essere giudicati. Il primo Standard di razza venne emesso nel 1912, ma il suo riconoscimento ufficiale dalla Federazione Cinotecnica Internazionale avvenne soltanto nel 1925.

Aspetto generale

Cane di media taglia, dall’aspetto robusto e rustico. Si presenta molto muscoloso e di giuste proporzioni strutturali. La sua corporatura è discretamente proporzionata e solida.
È una razza che si distingue a causa del suo pelo abbastanza lungo e folto.

Carattere

Simile a tutte le razze da pastore francesi. Ardito ed energico. È una razza che si distingue per il proprio coraggio e la propria determinazione in alcune situazioni. Il carattere di questa razza è un aspetto fondamentale nel giudizio in competizione. Il cane non deve mai dimostrarsi pauroso o aggressivo nei confronti delle persone che lo circondano. Si dimostra un’eccellente cane da guardia e un discreto pastore per la conduzione delle greggi. È anche un bravo compagno dell’uomo. Sempre fedele e leale al proprio padrone. A volte un po’ troppo indipendente.

Berger de Picardie
Berger de Picardie (foto http://berger-picard.fr)

Berger de Picardie Berger de Picardie (All. Poggio al Vento) (foto www.agraria.org)

Standard

Altezza:
 - maschi da 60 a 65 cm al garrese
 - femmine da 55 a 60 cm al garrese.
Peso:   varia da 23 a 32 kg.

Tronco: petto profondo senza esagerazione, non disceso più basso del gomito, con circonferenza toracica leggermente superiore di 1/5 all’altezza al garrese, lunghezza del corpo leggermente superiore all’altezza al garrese. Il dorso è dritto. Il rene è solido. Le costole sono ben arcuate nel terzo superiore che poi si appiattiscono progressivamente fino allo sterno. L’addome leggermente retratto, la groppa si fonde progressivamente con la natica.
Testa e muso: deve essere proporzionata alla taglia, senza essere massiccia. Lo stop è molto leggero, equidistante dalla punta del naso e dalla sommità del cranio, scatola cranica piuttosto grande ma senza esagerazione. Pelo lungo circa 4 cm, sopracciglia molto marcate ma senza mai coprire gli occhi. La fronte, vista da davanti, non deve essere piatta, ma leggermente convessa, con una leggera depressione a livello dei seni frontali. Le guance non devono essere troppo forti, ma neppure essere piatte e devono presentare una certa rotondità. Dietro le guance il pelo è della stessa misura di quello del corpo. Il musello è forte, non troppo lungo, non deve mai essere appuntito. Labbra asciutte e ben serrate. Leggera presenza di barba e mustacchi.
Tartufo: sempre nero e voluminoso.
Denti: mascelle potenti, articolazione a forbice senza prognatismo superiore o inferiore. Completi nello sviluppo e nel numero.
Collo: forte e muscoloso, di buona lunghezza, eretto quando il cane è in azione. Ben sciolto sulle spalle, assicura un portamento fiero della testa.
Orecchie: di grandezza media, larghe alla base, attaccate molto in alto, sempre erette naturalmente, punte leggermente arrotondate. È tollerata una leggera divergenza. Lunghezza di circa 10 cm, mai superiore a 12 per un maschio al massimo della taglia.
Occhi: di grandezza media, non prominenti, di colore scuro, non chiari né vaironi, colorazione a seconda di quella del manto, ma in ogni caso più scuri del color nocciola.
Arti: ben in appiombo gli anteriori, con ossatura asciutta, giunture marcate senza dare l’impressione di essere malformate. Polsi leggermente inclinati dall’indietro all’avanti che danno elasticità agli arti e facilitano le brusche fermate. Posteriori con cosce lunghe e molto muscolose. Parte alta della coscia molto lunga, articolazione del ginocchio forte. Non deve esserci disarmonia tra la coscia e la groppa. Gambe solide che sono a sostegno del retrotreno senza debolezza, ma con elasticità. Ossatura pronunciata senza esagerazione. Garretto mediamente angolato. Piedi arrotondati e corti. Cuscinetti solidi ed elastici.
Andatura: disinvolta e abbastanza rapida in tutti i tipi.
Spalla: lunghe e oblique che permettono grande facilità di movimento, muscolose senza pesantezza.
Muscolatura: ben sviluppata in tutte le parti del corpo. Più evidente negli arti posteriori che in altre parti del corpo.
Coda: pelosa, con pelo di lunghezza uguale a quello del corpo. A riposo raggiunge il garretto e pende dritta con leggera curvatura all’estremità, in azione può esser portata più rialzata ma mai ricurva sul dorso.
Pelle: abbastanza fine e mai flaccida.
Pelo: duro, semilungo, non frangiato, non piatto, deve esser grossolano e frusciante sotto le dita. La lunghezza è di circa 5-6 cm su tutto il corpo, compresa la coda. Il sottopelo di copertura è fine e serrato.
Colori ammessi: grigio, grigio-nero, grigio con riflessi neri, grigio-blu, grigio-rosso, fulvo chiaro o scuro o qualsiasi mescolanza di questi colori. Nessuna grande macchia bianca, tollerata una piccola macchia bianca sul petto e macchie alle estremità dei piedi.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, mancanza di premolari, misure fuori standard, colori del manto non ammessi, carattere timido o aggressivo, monorchidismo, criptorchidismo, movimento scorretto, retrotreno difettoso, pelo più corto di 4 cm o più lungo di 6, pelo frangiato o lanoso, spalla troppo lunga, coda di ratto, sguardo truce, corporatura troppo pesante.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze italiane
Razze estere da A a B
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani

Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy