Austrian Pinscher
Atlante delle razze di Cani

Origine, classificazione e cenni storici

Origine: Austria.
Classificazione F.C.I.: Gruppo 2 - cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoide e cani bovari svizzeri.

L'Austrian Pinscher (Osterreichischer Pinscher - Pinscher Austriaco a pelo raso) è più pesante del relativo cugino tedesco. Si è sviluppato come ausiliare dell’uomo nelle aziende agricole, dove era utilizzato per custodire il bestiame e la proprietà. In realtà, le origini di questa razza non sono conosciute. Si ritiene che sia collegata strettamente al “Pinscher tedesco”, per le varie somiglianze morfologiche e caratteriali, ed anche per una vicinanza di luogo d’origine. Alcune pitture del ‘Settecento mostrano un cane quasi identico all’odierna razza. Un vero e proprio allevamento sistematico della razza avvenuto dal 1921 dal Dott. Emil Hauck. La selezione riuscì così bene che il 16 ottobre del 1928 la società cinofila austriaca riconobbe ufficialmente la razza. Un anno più tardi, nel 1929, la Federazione Internazionale assegnò alla razza il riconoscimento internazionale con il nome originale di “Osterreichischer Kurzhaarpinscher”. Dal 1960 al 1970 la razza ebbe un declino, fino ad arrivare a pochissimi esemplari registrati all’anno. In seguito la razza ebbe una ripresa, e la F.C.I. le cambio il nome in “Osterreichischer Pinscher”. La razza attualmente è riconosciuta dall’APRI e dall’F.C.I..

Aspetto generale

Cane di media-piccola taglia. È una razza vigorosa. Ha la testa a forma di pera. Il suo muso è pieno e relativamente corto. I gomiti sono ragionevolmente vicini al corpo e gli arti sono abbastanza muscolosi e solidi. La sua costruzione è molto ben proporzionata e di giusti rapporti. È una razza abbastanza longeva, può arrivare fino a 12-14 anni di età.

Carattere

Cane elegante e leggero. Possiede gli organi sensoriali altamente sviluppati. Ha una buona intelligenza e una spiccata attitudine ad apprendere. La sua perseveranza è uno degli elementi fondamentali del suo temperamento. Ha una buona resistenza alle malattie. E’ una razza dotata di pregi che ne fanno un eccellente, se pure piccolo, cane da guardia. Ma non è solo un buon guardiano, infatti ha anche un carattere piacevole e, data la sua taglia poco ingombrante, è adatto per vivere in appartamento. E’ un ottimo compagno per tutta la famiglia. È una razza abbastanza resistente al clima e alle basse temperature. È una razza che non necessita né di grandi attenzioni, né di toelettature continue.

Austrian Pinscher
Austrian Pinscher (foto www.oe-pinscher.de)

Austrian Pinscher
Austrian Pinscher (foto www.zooclub.biz)

Austrian Pinscher Austrian Pinscher (foto www.dogwallpapers.net)

Standard

Altezza:  varia da 35 a 50 cm, più frequentemente circa 40 cm.
Peso:  varia da 12 a 18 kg.

Tronco: dorso e lombi corti, larghi e ben muscolosi. Petto lungo, molto profondo, largo, a forma di tonneau. Pettorina arrotondata e ben discesa. Muscoli del torace ben tesi. Vista di fronte, la pettorina deve essere larga.
Testa e muso: testa piriforme, con arcate zigomatiche molto sviluppate e cranio largo. Muscoli temporali e masseteri possenti, stop molto marcato, muso forte ma corto, non troppo appuntito ma nemmeno largo o ottuso. Labbra chiuse, lisce, ben tese sui mascellari.
Tartufo: grande, depigmentato. Nero nei soggetti a mantello giallo e nero, di tinta bruno scura nei soggetti fulvi.
Denti: regolarmente allineati e completi nel numero. Frequente la chiusura a tenaglia degli incisivi, ma è preferibile quella a forbice. La chiusura ad angolo costituisce difetto, così come il prognatismo inferiore o superiore o un impianto irregolare dei denti.
Collo: corto oppure di lunghezza media, possente. Atlante di buona larghezza.
Orecchie: a forma di “V”, oppure a forma di rosa, queste ultime molto rare. Semi cadenti o dritte.
Occhi: apertura delle palpebre arrotondata, occhio grande e pieno, iride scura.
Pelle: abbastanza aderente su tutte le parti del corpo.
Arti: anteriori con braccio molto obliquo. Avambraccio di lunghezza media e dritto. Gomiti non aperti né chiusi. Carpo solido, metacarpo corto, piazzato leggermente in diagonale. Piedi compatti con dita ben arcuate e unghie forti. Posteriori con angoli delle articolazioni pronunciati. La gamba è moderatamente lunga con un garretto largo e forte. Metatarsi corti. Tutto il retrotreno è muscoloso.
Muscolatura: piuttosto ben sviluppata, soprattutto negli arti posteriori.
Coda: attaccata alta, portata arrotolata, più frequentemente sul dorso. La forma a “corso di caccia” è frequente. Corta, grossolana e spessa. Può essere talvolta accorciata, tagliata corta.
Pelo: corto, dritto, con sottopelo, ricorda quello di un “Fox terrier a pelo liscio”.
Colori ammessi: giallo, fulvo, bruno-giallo, rosso, nero-bruno ugualmente a strisce uguali, quasi sempre con grandi macchie bianche. I soggetti a mantello macchiettato, completamente bianco o nero focato non sono desiderabili.
Difetti più ricorrenti: prognatismo, enognatismo, criptorchidismo, monorchidismo, cranio stretto, collo allungato, garretto poco accentuato, cane gracile e poco muscoloso,  misure fuori standard, colori non ammessi, retrotreno difettoso, movimento scorretto, carattere timido, pelo troppo lungo, petto poco profondo, metacarpo lungo, mancanze di denti, mascella deviata, coda con attaccatura bassa, chiusura ad angolo, labbra non tese.

a cura di Vinattieri Federico - www.difossombrone.it

Razze italiane
Razze estere da A a B
Versione italiana English version Versión española
Il coniglio nano Il manuale del Gatto Enciclopedia internazionale dei Cani
Zootecnia Cani e gatti Coltivazioni erbacee Fruttiferi Coltivazioni forestali Insetti Prodotti tipici Funghi Parchi ed aree protette
Copyright © www.agraria.org - Codice ISSN 1970-2620 - Webmaster: Marco Salvaterra - [email protected]